Salta al contenuto principale

Al nido di Cles ritiri

il bimbo e anche la cena

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 43 secondi

Alzi la mano chi di voi, arrivando a casa dopo una giornata di lavoro, anziché rilassarsi assieme ai propri bambini non si mette a sbuffare davanti ai fornelli lamentandosi: «E adesso, cosa cucino?». Ammettetelo, anche se siete una mamma o un papà organizzatissimi in certe giornate paghereste oro pur di trovare la cena già pronta. Ebbene, se abitate a Cles e il piccolo di casa frequenta il nido gestito dalla cooperativa La coccinella, anche nelle giornate più lunghe e faticose non avrete più il problema di cosa mettere in tavola.

Basterà ricordarsi di «prenotare» la cena per tutta la famiglia una volta arrivati al nido (il venerdì per i primi tre giorni della settimana successiva ed il mercoledì per gli ultimi due). Sarà cura di una delle due cuoche che lavorano nella cucina dell'asilo consegnarvi la borsa con i pasti richiesti. È dotata di un piccolo campanellino, perché il nuovo servizio che viene offerto in questo nido si chiama «Din-dinner». Mattia Garibaldi, direttore della cooperativa La coccinella, spiega che il progetto è nato «indagando una necessità che sembrava emergere sempre più tra i genitori dei piccoli ospiti: in determinate giornate, infatti, le famiglie avevano manifestato l'esigenza di poter stare più tempo con i propri figli». Dover pensare alla spesa e poi preparare la cena porta via tempo prezioso per poter stare con loro senza pensieri. Ecco allora che è stato proposto alle famiglie un questionario in cui è stato chiesto se un servizio di cena «da asporto» poteva interessare. La risposta è stata subito positiva ed anche oggi, a distanza di qualche settimana da quando è stato introdotto il servizio, le adesioni sono state buone.

«Nel nido di Cles, il primo ed il più grande gestito dalla nostra cooperativa - ricorda Garibaldi - ospitiamo fino ad ottanta bambini con la possibilità dell'orario part time o a tempo pieno. Dunque il servizio è attivo dalle 7.30 alle 18. Grazie a questi numeri possiamo garantire la sostenibilità del progetto, il primo in Trentino. Fuori regione c'è qualche esperienza di questo tipo in Lombardia».  Il pasto completo, composto da primo, secondo e contorno, costa cinque euro a persona e può essere «prenotato» non solo per il bambino che frequenta il nido ma anche per il resto della famiglia. «Non vuole essere un servizio di ristorazione - precisa ancora il direttore - ma una possibilità per andare incontro alle esigenze delle famiglie, che in determinate giornate non riescono ad organizzare il pasto serale per i propri figli. Non andiamo comunque a sindacare sulle ragioni per cui ciascuno chiede di portare a casa la cena».

L'iniziativa rientra nel percorso di certificazione che la cooperativa ha iniziato nel 2012 per ottenere il marchio provinciale «Family audit», che punta «a favorire e migliorare i tempi del lavoro e quelli della famiglia per i dipendenti della cooperativa ed allo stesso tempo prevede delle attenzioni anche riguardo alla conciliazione tra nido e famiglia». Proprio come accade per i menù dei pasti che vengono somministrati al nido, anche la cena «da asporto» è pensata in un certo modo: «Viene studiata dalla nutrizionista stilando un menù che tiene in considerazione il pasto fatto quel giorno all'asilo, la diversità degli alimenti e l'apporto calorico. Oltre ad una serie di attenzioni ormai consolidate in queste strutture ossia la scelta di prodotti locali a km zero e la natura biologica».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy