Salta al contenuto principale

Muore dopo due settimane:

fatale all'ex postino Sartori

la caduta con la mountain-bike

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

Due settimane fa, mercoledì 25 settembre, era andato a farsi un giro con la sua bici elettrica nella zona di Fornace. Roberto Sartori, 64 anni, originario di Verla, in Val di Cembra, ma da quarant’anni residente a Lavis, ex postino in paese, era caduto procurandosi gravi lesioni. Mercoledì pomeriggio, nonostante le cure dei sanitari, l’uomo è morto nel reparto di rianimazione dell’ospedale S. Chiara. Troppo gravi le ferite riportate nell’incidente. Una perdita dolorosissima per i familiari, ma anche per l’intera comunità lavisana dove l’uomo era conosciutissimo. Uno di casa per molti, considerato che per anni era stato il postino di mezzo paese. Una faccia amica, una certezza per le vie di Lavis.

L’ultimo mercoledì di settembre l’uomo aveva avuto l’incidente lungo il sentiero che da Pian del Gacc porta al lago di Santa Colomba, in un tratto in discesa dove il terreno è particolarmente irregolare a causa di sassi e radici.
Per soccorrerlo era intervenuto l’elicottero che aveva portato il ferito al S. Chiara. Roberto Sartori era sempre rimasto cosciente, ma i medici avevano fatto presente ai familiari che le ferite che aveva riportato erano gravi. Mercoledì pomeriggio, purtroppo, la situazione è precipitata.

I funerali di Roberto Sartori si terranno oggi alle 16 nella chiesa parrocchiale di Lavis.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy