Salta al contenuto principale

Yanez Borella, con la e-bike

da Fai della Paganella a Pechino

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 56 secondi

Al rintocco delle campane di mezzogiorno, l'altroieri Yanez Borella è montato sul sellino della bici ed è partito per la Cina. Un viaggio di 12.208 chilometri con un dislivello di oltre 250.000 metri, da Fai della Paganella fino a Xi’an, la grande città capoluogo della provincia di Shaanxi, nella Cina del Nord. Lo accompagnerà l’amico valtellinese Giacomo Meneghello, che è partito da Livigno giovedì mattina per unirsi a Borella nel primo pomeriggio di ieri, a Mezzolombardo. Ieri i due sono partiti da Moena, dove hanno fatto tappa, per scalare la Marmolada e sconfinare nel Bellunese.

A salutare la partenza di Borella, a Fai è accorsa tanta gente: dal sindaco e presidente della Comunità Paganella, Gabriele Tonidandel, che ha rivolto l’augurio al proprio concittadino a nome dell’intera popolazione dell’altopiano, fino ai vertici di Apt, Consorzio Skipass, Consorzio Fai vacanze e tutti gli operatori turistici che hanno contribuito a finanziare la sua impresa, a cominciare dall’hotel Panorama di Fai.

Lasciamo a Yanez, quarantenne di Fai che lavora sugli impianti di risalita ed è maestro di snowboard, raccontare come gli è balzata l’idea di raggiungere la Cina in bici. «Lo scorso anno ero in Perù a disputare una corsa in montagna e, assieme all’amico Giacomo Meneghello, ho detto: mi piacerebbe festeggiare il mio compleanno, che cade il 20 di giugno, a Samarcanda. Poi, invece, affascinato dal viaggio di Marco Polo ho pensato alla Cina. E così, da un anno, sto preparato questa spedizione che durerà cento giorni, frazionando il percorso il 65 tappe».

I due escursionisti si sono fatti costruire un carrello che rimorchieranno con le loro bici elettriche per l’intero tracciato: il carrello pesa 90 chilogrammi e lo sportello è costituito da un pannello fotovoltaico per la ricarica delle batterie delle bici. All’interno del carrello, oltre alla tenda da campo, sacco a pelo e serbatoio dell’acqua, c’è l’inverter del pannello fotovoltaico (che pesa assai) e ogni cosa possa servire per le situazioni d’emergenza; naturalmente, anche una cassetta di pronto soccorso e una con gli attrezzi per manutenzione e riparazioni delle due E-bike. Persino l’attrezzatura per lo sci alpinismo che i due intendono utilizzare quando arriveranno sulle catene montuose del Tagikistan, raggiungendo la Cima Lenin a quota 7.134 metri!

I due avventurieri correranno per sostenere l’Admo, l’associazione di donatori del midollo osseo, ma anche per portare il nome della Valtellina e della Paganella nell’estremo Oriente. Yanez non teme aggressioni o altre brutte sorprese lungo il suo viaggio: «L’unica cosa che mi fa paura è il mio rimorchio. Non abbiamo avuto tempo per collaudarlo e non vorrei che, sulle strade sterrate, subisse delle gravi rotture rallentando così la nostra tabella di marcia. Poi, confido nel sole: all’ombra o con la pioggia non potremo ricaricare i pannelli fotovoltaici».

Ad incitarlo, alla partenza, c’è anche la sua compagna, Roberta Bagotto di Schio. Lei è serena e felice di condividere questo momento emozionante con l’amore della sua vita: «Da bambina venivo qui in vacanza ed ho conosciuto Yanez. Abbiamo sempre mantenuto i contatti ed era inevitabile che c’innamorassimo. Sono felice perché so che questo era il sogno della sua vita. L’aspetterò ad Istanbul, dove ho già prenotato il mio soggiorno dall’1 al 5 maggio».

Non teme che possa succedergli qualche imprevisto? «No. E’ un uomo dalle mille risorse e quando è convinto di riuscire in qualcosa, raggiunge sempre il suo scopo». Le due E-bike, equipaggiate con navigatore, bussole, altimetro e vari strumenti satellitari, sono state fornite dalla Gs Solution di Torino, con batterie che garantiscono un’autonomia di 600 chilometri.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy