Salta al contenuto principale

Pompieri venditori porta a porta

Incaricati di «piazzare» il libro

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 48 secondi

Nei prossimi giorni alle porte delle 4.200 famiglie della Valle di Cembra si presenteranno dei vigili del fuoco volontari in veste inedita. Ognuno dei sette Comuni mobiliterà infatti gli uomini dei propri corpi per la vendita porta a porta del libro «La comunità della Valle di Cembra» (nella foto) di Alberto Folgheraiter e Gianni Zotta al prezzo di 5 euro (per la cronaca il volume, con foto di copertina invernale e titolo e sottotitolo invertiti, nelle librerie è venduto a 28 euro).
L'iniziativa, orchestrata dal presidente della Comunità Simone Santuari, mira in prima battuta a consentire alla Comunità della Valle di Cembra di distribuire ai capifamiglia la gran parte dei 5.000 volumi acquistati al costo di 10 euro a libro da Edizioni FZ srl con deliberazione del 9 aprile scorso. Individuato nei vigili del fuoco il «corriere» ideale per raggiungere l'obiettivo, la Comunità di Valle ha quindi «vestito» da contributo elargito indirettamente dallo stesso ente territoriale, l'obolo di 5 euro chiesto alle famiglie che i vigili potranno trattenere. Obolo che più correttamente andrebbe quindi chiamato costo di distribuzione dei libri. 

«La decisione di procedere in questa maniera è stata assunta dopo aver avuto l'approvazione degli undici comandanti e dell'ispettore di valle e dopo aver coinvolto tutti i sindaci - spiega Simone Santuari -. Avendo questi libri da distribuire alle famiglie, ci siamo posti il problema di come farlo e piuttosto che pagare un soggetto terzo, ci è sembrata una soluzione intelligente quella di coinvolgere i nostri vigili del fuoco, di fatto girando a loro a titolo di contributo la cifra che avremmo dovuto pagare per la distribuzione». Lo schema sfruttato intendeva ricalcare quello della vendita casa per casa del calendario che molti corpi dei pompieri predispongono ogni anno per raccogliere fondi, solo che quest'anno ad essere proposto alle famiglie cembrane sarà il libro di Folgheraiter e Zotta.  

Una novità che nonostante il favore manifestato ufficialmente dai comandanti, qualche mal di pancia lo sta creando nella truppa. A far storcere il naso è il fatto che quello che la Comunità vuol far passare come un contributo ai vigili - calcolatrice alla mano, qualora fossero piazzati tutti i libri, si arriverebbe a 21 mila euro da ripartire in base al numero dei residenti sugli 11 corpi - alla fine debba essere guadagnato. 
Del malumore serpeggiante il presidente Santuari si dice completamente all'oscuro: «Cado letteralmente dalle nuvole, tutto è stato fatto nella massima trasparenza, coinvolgendo tutte le figure che andavano coinvolte e nessuna ha sollevato obiezioni o dubbi. Sono amaramente sorpreso che qualcuno la veda così». 

Ad avvelenare l'animo di qualche pompiere, oltre all'obbligo calato dall'alto di prestare opera anche come corriere, non si può escludere sia stata la decisione assunta a monte dalla Comunità di Valle di investire 50 mila euro nella realizzazione su commissione del libro. «Magari è così, ma io rivendico anche questa scelta: l'opera di Folgheraiter e Zotta merita perché racconta molto bene la nostra valle. Secondo me è un libro che ogni cembrano deve avere in casa».
In totale, come anticipato, la Comunità di Valle ha acquistato al prezzo di 10 euro 5.000 copie del volume: 4.200 da distribuire a ciascun nucleo familiare e 100 per ciascuno dei sette Comuni (più la Comunità) della valle. «Ovviamente non c'è l'obbligo per nessuna famiglia di acquistare il libro - conclude il presidente Santuari -. Ricordo però che con 5 euro oltre ad avere un ottimo libro che in libreria costa 28 euro, ogni famiglia darà sostegno ai propri vigili del fuoco».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy