Salta al contenuto principale

Campiglio: cane morso

sul muso da una vipera

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 23 secondi

Non sono rari gli interventi dei vigili del fuoco per portare in salvo animali. Domenica sono stati i pompieri volontari di Madonna di Campiglio ad organizzare il soccorso di un cane: hanno raggiunto il lago Nambino per recuperare un esemplare maschio di golden retriever che era stato morso al muso da una vipera.

L’allarme è stato dato dal proprietario dell’animale, un giovane della zona, verso mezzogiorno: si trovava poco sopra il lago quando si è accorto che il suo golden stava male e che aveva la lingua gonfia. I due buchetti attorno alla zona dolorante indicavano che la causa del malessere era il morso di una vipera.

I vigili del fuoco sono arrivati con i loro mezzi fino alla piana di Nambino, hanno immobilizzato il cane con l’aiuto del proprietario e lo hanno caricato sulla teleferica per il trasporto a valle. L’animale, sofferente ma sempre sveglio, è stato quindi sistemato sull’auto del proprietario e portato nella clinica veterinaria più vicina per le cure.

Il veleno della vipera è fatale per le piccole prede, come uccellini, lucertole e topi, mentre per l’uomo e per il cane, considerati “prede grosse” il veleno è raramente mortale ma può comportare effetti gravi. I cani di piccola taglia sono più a rischio dei cani grandi.

In caso di morso di vipera è importante cercare di tenere il cane fermo e a riposo per impedire che il veleno si diffonda nel corpo con il movimento.

Il cane di piccola taglia può essere preso in braccio, ma anche i cani di taglia grande, come è stato correttamente fatto con il golden retriever a Campiglio, è bene che vengano immobilizzati e portati il prima possibile da un veterinario.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy