Salta al contenuto principale

Si ribalta con il motocoltivatore

carico di legna: un mistero

la morte di Giorgio Iori a Roncone

Chiudi
Apri

FOTO SAI STORO @ladige

Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

Era uscito di casa per raccogliere la legna, ma il motocoltivatore su cui si trovava si è ribaltato, non lasciandogli purtroppo via di scampo. È morto così ieri Giorgio Iori, 63 anni, di Roncone, capoluogo del comune di Sella Giudicarie, nell'alta valle del Chiese.
Una tragedia che arriva a pochi giorni dall'incidente che ha tolto la vita al maestro Giovanni Amistadi, scivolato nel canalone mentre andava a raccogliere il radicchio selvatico (il famoso, almeno da queste parti, "redic de ors"). Quelle riguardanti le tragedie sono le notizie che si diffondono in men che non si dica, tanto più nei piccoli centri in cui ci si conosce tutti.

Ieri pomeriggio Giorgio Iori, pensionato originario del Bleggio e sposato a Roncone, è salito con il suo motocoltivatore per raccogliere legna sulla montagna del paese, in località Cercenà, a metà strada fra il paese di Roncone e la località La Rocca, dove la famiglia ha un appezzamento di terreno e ha sistemato una "ca' da mont". Sulla dinamica dell'incidente fino a ieri sera non c'erano ancora notizie precise.

Sono intervenuti i vigili del fuoco volontari di Roncone non appena è stato dato l'allarme, alle 15.30. Da Trento è decollato anche l'elisoccorso, ma i sanitari non hanno potuto fare nulla. Di chiaro c'è che il trattorino non è nemmeno uscito dalla strada asfaltata: c'è una strisciata sul guard-rail, dove il mezzo si è rovesciato. Il pensionato, deceduto sul colpo, è stato trasportato nella camera ardente dell'ospedale di Tione.


L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy