Salta al contenuto principale

Usa un alloggio di Campiglio

come "centrale" dello spaccio:

arrestato un albanese

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 47 secondi

È finito ai domiciliari un 36enne albanese residente nella Provincia di Como che è stato arrestato dai carabinieri di Madonna di Campiglio e dai colleghi di Erba con l’accusa di spaccio di stupefacenti.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, l’uomo aveva affittato un appartamento in una posizione strategica di Madonna di Campiglio adibendolo a centrale per lo spaccio, in favore di giovani turisti, per lo più frequentatori dei locali notturni.

Già lo scorso 23 agosto i militari avevano sequestrato 130 grammi di marijuana e 100 di hashish, oltre al materiale per il confezionamento e la vendita.

Dalle analisi svolte nel laboratorio stupefacenti di Bolzano, è emerso che dalle sostanze sequestrate si sarebbero potute ricavare circa tremila dosi. Sulla base del quadro investigativo ricostruito dai carabinieri, la procura di Trento ha richiesto una misura cautelare poi emessa dal gip, che ha disposto gli arresti domiciliari per l’indagato. Il cittadino albanese, arrestato ad Erba, sarà interrogato nei prossimi giorni dall’autorità giudiziaria Lombarda.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy