Salta al contenuto principale

I Carabinieri di Campiglio

prendono i ladri di sci:

cinque bresciani in ferie

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 52 secondi

I Carabinieri della Stazione di Madonna di Campiglio, dipendenti dalla Compagnia Carabinieri di Riva del Garda, nell’ambito dei servizi di controllo e vigilanza nelle aree sciabili, hanno deferito alla Procura della Repubblica di Trento quattro persone maggiorenni e un minorenne, tutti provenienti dalla Provincia di Brescia, per il reato di furto aggravato in concorso.

Le indagini sono iniziate a seguito di una serie di furti di sci e materiale sciistico (caschi e maschere di qualità) perpetrati all’esterno dei rifugi Chalet Fiat e 5 Laghi lo scorso 6 aprile.

I militari dell’Arma, acquisite le riprese catturate dagli apparati di video sorveglianza dei rifugi e degli impianti di risalita, hanno individuato un gruppo di giovani in possesso della refurtiva.

Gli accertamenti finalizzati a rintracciare il gruppo sono scattati ed in brevissimo tempo hanno consentito di individuare l’abitazione in cui stavano soggiornando.

Così domenica mattina è stato predisposto un apposito servizio di osservazione: in tale occasione, i militari hanno scorto i giovani che erano intenti a caricare sulla loro auto ben cinque paia di sci, tra cui uno sperimentale non ancora in commercio, per poi cercare di allontanarsi velocemente da Madonna di Campiglio.

Intercettati, le loro scuse hanno avuto vita breve: incalzati dalle richieste formulate dal personale dell’Arma in merito alla giustificazione del possesso dei beni, sono “crollati” e hanno sommessamente ammesso le loro responsabilità.

La perquisizione ha permesso di recuperare cinque paia di sci, un paio di bastoncini, due maschere e un casco; tutto materiale di pregio, per un valore totale di più di 5mila euro.

I giovani ora dovranno affrontare un processo per furto aggravato davanti al Tribunale Ordinario di Trento; il minorenne, invece, dovrà rispondere innanzi al Tribunale per i Minorenni di Trento.
Particolarmente riconoscenti i legittimi proprietari che sono riusciti a riottenere i propri beni, consentendogli di trascorrere serenamente gli ultimi giorni di vacanza sulle piste da sci di Madonna di Campiglio, prima della chiusura degli impianti prevista per fine mese.

I Carabinieri sciatori impegnati ogni giorno della stagione invernale sono molti in tutti i comprensori del Trentino, in particolare in val Rendena sulle piste di Pinzolo e Campiglio. Questa attività è il frutto della loro presenza sul territorio e della conoscenza delle aree sciabili che vigilano per la sicurezza dei turisti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy