Salta al contenuto principale

Assistenti bagnanti cercansi

per l'estate sul lago d'Idro

Marini: "Nessuno vuole lavorare due mesi in estate"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 9 secondi

Assistenti bagnanti: è emergenza? A sentire Giampiero Marini, che si sta dando da fare ad incontrare pubblici amministratori trentini e bresciani, si direbbe di sì.
Chi sono gli assistenti bagnanti? Coloro che rendono sicure le spiagge dei laghi durante l’estate, quando c’è l’afflusso di vacanzieri. E quando nelle Giudicarie parli di laghi, in particolare ti riferisci al lago d’Idro, anche se è quasi tutto bresciano: l’unica sponda trentina è a Baitoni, frazione di Bondone. Finora l’unica spiaggia «sicura» dell’Eridio (nel senso che è presidiata nella stagione calda dagli assistenti bagnanti) è quella trentina, appunto; lo è non da oggi e non da ieri: nientemeno che dal 1993. Ma si sta cercando di sensibilizzare anche i comuni bresciani (Bagolino, Anfo e Idro) nella consapevolezza che la sicurezza ha un appeal notevole verso chi sceglie di recarsi al lago. Ma c’è un guaio: «Non si trovano giovani disponibili a lavorare un paio di mesi, retribuiti, s’intende», si lamenta Marini, che nella sua campagna acquisti non vede al momento grandi orizzonti. Intanto va precisata una questione: anzitutto si cercano partecipanti al corso di formazione, che si terrà in una piscina della zona. Ad organizzarlo sarà la Società Nazionale di Salvamento. Per informazioni rivolgersi a sns.salvamentotrentino@gmail.com oppure (per via più diretta) telefonando direttamente a Marini: 3456212215.
La ricerca continua. E se andasse a vuoto? «Faremo venire stranieri», provoca, ma nemmeno poi tanto, Marini.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy