Montagna / L’epilogo

Ritrovato dopo una settimana il corpo senza vita di Nicola Spagnolo, l'escursionista disperso sul Lagorai

È stato un gruppo di familiari, salito in quota questa mattina, a trovarlo lungo un ripido pendio di rocce e i ghiaioni tra cima Cece e forcella Cece, tra la parete nord e il sentiero 349 che corre a valle, a una quota di circa 2.500 metri

FOTO Le operazioni degli scorsi giorni

LAGORAI. È stato ritrovato poco prima delle 13 di oggi, sabato 29 ottobre, il corpo senza vita di Nicola Spagnolo, l'escursionista veneto disperso da sabato scorso sul Lagorai. È stato un gruppo di familiari, salito in quota questa mattina, a trovarlo lungo un ripido pendio di rocce e i ghiaioni tra cima Cece e forcella Cece, tra la parete nord e il sentiero 349 che corre a valle, a una quota di circa 2.500 m.s.l.m..

La dinamica dell'incidente è in fase di accertamento. Secondo una prima ricostruzione, è possibile che l'escursionista, una volta raggiunta cima Cece dal bivacco Paolo e Nicola, abbia proseguito lungo la cresta est verso forcella Cece, un percorso alpinistico impegnativo, e che sia precipitato a valle per un centinaio di metri.

Escursionista veneto scomparso, le ricerche

Da sabato 22 ottobre non si avevano più notizie di Nicola Spagnolo, l'escursionista veneto disperso in Lagorai. Dopo una settimana di ricerche è stato trovato il suo corpo. Senza vita.



Sul posto sono stati elitrasportati il Tecnico di Elisoccorso, gli operatori della Stazione di Moena del Soccorso Alpino e il Soccorso Alpino della Guardia di Finanza. Dopo il nullaosta delle autorità, la salma è stata recuperata a bordo dell'elicottero, trasferita a Predazzo e affidata al carro funebre.

comments powered by Disqus