Salta al contenuto principale

Smascherata badante infedele:

ruba 250 euro con il bancomat

sottratto a una anziana

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 4 secondi

Smascherata una badante infedele, che si era impossessata del bancomat e del Pin dell’anziana per cui lavorava, prelevando 250 euro dalla cassa automatica di Cavalese.

L’anziana si è infatti accorta del furto, controllando gli estratti conto della banca, e ha denunciato la badante ai carabinieri.

La donna, ben conosciuta in valle come badante, era stata raccomandata con referenze tra le persone della zona, così il figlio dell’anziana l’aveva assunta per assistere la madre nelle consuete ed ormai troppo pensanti incombenze domestiche.

La badante, però, avendo notato la tessera del bancomat lasciata nella credenza del tinello e il relativo codice Pin, trascritto su un allegato bigliettino, se ne è impossessata e ha ritenuto di effettuare due prelievi, per prelevare 250 euro, presso una cassa automatica di Cavalese.

Nonostante l’età, l’anziana ancora lucida e pratica nello svolgere autonomamente le sue operazioni bancarie, si è accorta subito dei prelievi “anomali” nonché della “sparizione” del bancomat.

Memore anche dei consigli raccolti durante gli incontri “antitruffa”, tenuti dal locale Comandante della Stazione Carabinieri, si è recata presso il Comando di Cavalese e ha sporto formale denuncia.

I successivi accertamenti hanno consentito la rapida individuazione della badante infedele, che è stata deferita alla Procura della Repubblica di Trento, per i reati di furto aggravato e indebito utilizzo di carte di credito.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy