Salta al contenuto principale

Suoni delle Dolomiti all'alba

magia e silenzio, ma nella notte

migliaia di auto in paese - VIDEO

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

Altro che incanto dei monti e magia del silenzio: questa notte Passo San Pellegrino è stato letteralmente invaso da migliaia di persone (e altrettante automobili): 3500 i partecipanti, secondo gli organizzatori. Infatti il Col Margherita, sopra passo San Pellegrino, ha ospitato il momento clou dei «Suoni delle Dolomiti» di quest’anno. E per molte ore, nel cuore della notte, il traffico a Moena è stato degno di una grande metropoli.

Come ci informa l’agenzia Ansa «alle prime luci del mattino 3500 persone sono salite a 2.500 metri di quota per assistere al racconto corale e orchestrale “E intanto si suona. Il viaggio lungo un secolo”, nato da un’idea di Mario Brunello e Alessandro Baricco, che si confronta con la guerra e l’umanità».

A valle però, dalle 3 di notte alle 5, un lungo serpentono di macchine, tanto che alcuni titolari degli hotel si sono visti rinfacciare il rumore e il disturbo dai loro ospiti. Tanto che stamattina hanno chiesto scusa ai clienti con un cartello appeso in reception. La situazione è ben documentata dal video che ci è stato inviato da un operatore di Moena.

IL VIDEO: IL TRAFFICO A MOENA ALLE 3 DI NOTTE

 

Secondo il comunicato stampa invece «Al centro la musica, la guerra, la pace, il silenzio (!), le piccole e grandi forme di resistenza contro la barbarie. E ancora la sconfitta e la rinascita. Un viaggio nel Novecento fino ai giorni nostri attraverso il diario del soldato Alessandro Silvestri. La musica è stata per lui ancora di salvezza nella bestialità della guerra e qui diventa occasione per muoversi tra parole e suoni e per andare là dove la parola guerra non è un semplice ricordo ma è ancora drammatica realtà».

Sul palco ad alta quota - nel cuore delle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità Unesco - si sono esibiti musicisti e l’attore, Neri Marcorè. Giovanni Sollima ha composto per questo progetto il pezzo «Diaspora». In tanti, quindi, sul prato. E come sempre per i Suoni delle Dolomiti, il dubbio: forse troppo carico antropico?

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy