Salta al contenuto principale

Ubriaco maltrattava

i genitori: patteggiamento

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

Si è definito con un patteggiamento un procedimento penale - l'accusa era di maltrattamenti in famiglia, ma anche minacce e ingiurie - che mostra come l'abuso di alcol sia devastante per la salute, ma anche per i rapporti familiari. E proprio il reiterato abuso di sostanze alcoliche è alla base degli atteggiamenti vessatori che l'imputato, un quarantenne della valle di Fiemme, aveva nei confronti dei suoi genitori.

Questi - si legge sul capo di imputazione - sarebbero stati sottoposti «a ripetute aggressioni fisiche e verbali, richieste continue di denaro, colpendo in un'occasione la madre con calci al corpo; in tal modo ponendo in essere una serie abituale di comportamenti tali da ledere la serenità individuale e familiare rendendo la vita comune oltremodo penosa per la manifesta aggressività». 

L'uomo quando beveva diventava aggressivo non solo nei confronti dei genitori, ma anche dei baristi che - conoscendo le sue condizioni di salute - rifiutavano di servirgli sostanze alcoliche. L'imputato reagiva con pesanti invettive e frasi minacciose. Una barista in risposta al suo rifiuto riceveva addirittura uno sputo. 

Ieri l'imputato ha imboccato la strada giudiziaria più logica: il patteggiamento. La pena applicata dal giudice Guglielmo Avolio è stata di 1 anno e 5 mesi di reclusione

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy