Salta al contenuto principale

Valanghe, sulle Dolomiti

il pericolo è «marcato»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 50 secondi

Dopo le prime serie nevicate della stagione sulle Dolomiti il pericolo valanghe è “marcato”, di grado 3.

Lo rende noto l’Arpav (Agenzia regionale per l’ambiente del Veneto) che segnala come sopra i 1.600 metri di quota si sono registrati accumuli da 30 a 50 centimetri mentre per le altezze superiori lo strato di neve fresca arriva ad 80 centimetri.

Nelle ultime 24 ore sono caduti dai 30 ai 50 centimetri di neve fresca oltre i 1.600 metri di quota nelle Dolomiti e localmente - rileva l’Arpav - nelle Prealpi, dai 70 agli 80 centimetri. La neve fresca è umida fino a quasi i 2.000 metri. Le precipitazioni sono previste in esaurimento.

Il pericolo di valanghe è marcato perché possibili distacchi di valanghe possono essere causati proprio dalla neve recente.

La tipologia di valanghe maggiormente previste è a lastroni di fondo specie lungo i pendii ripidi erbosi e a debole coesione, anche di grandi dimensioni, in alta quota. Oltre il limite del bosco la possibilità di innesco di distacchi provocati è facile anche con debole sovraccarico (singolo sciatore/escursionista con racchette da neve).

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy