Salta al contenuto principale

Clamorosa protesta a Passo Sella

"flash mob" ambientalista

"basta auto, solo biciclette" VIDEO

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 6 secondi

Erano una cinquantina, ma hanno fatto davvero tanto rumore i manifestanti che oggi si sono riuniti a Passo Sella, per protestare contro il traffico automobilistico: piazzati a due curve sotto il Passo, sul versante gardenese, hanno indossato maschere antigas a simboleggiare la presenza di smog, e con fischietti e striscioni hanno dato vita al "flash mob" al grido di "biciclette e basta".

Poi un piccolo corteo, che indossava cuffie anti-rumore e maascherine sulla faccia, ha raggiunto il Passo ed ha proseguito fino al Rifugio Comici, sotto il Sassolungo.

L'iniziativa era organizzata dall'associazione ambientalista gardenese "Lia per natura y usanz", e supportata dal gruppo giovani "Generazion Clima" che combatte contro il Co2 e il riscaldamento globale. Spiega il presidente Engelbert Mauro Ner: "Abbiamo semplicemente fatto vedere alla gente che qualcuno si preoccupa del clima e dell'inquinamnto, per sollecitare i politici ad agire. Abbiamo letto agli automobilisti di passaggio i nostri cartelli, ed eravamo un brl gruppo: non solo giovani e bambini, ma anche anziani ed adulti, tutti interessati a porre fine all'inquinamento massiccio delle Dolomiti".

Fra le proposte della Lia, un aumento delle navette e delle corriere, più controlli spoecialmente sulle moto, che sono migliaia in questi giorni, e semafori a valle per segnalare quando i parcheggi del Passo sono pieni, affinché il traffico non continui a riversarsi in quota.

GUARDA IL VIDEO

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy