Salta al contenuto principale

Strage di Lutago: investì e uccise sette giovani, potrebbe cavarsela con 6 anni (ed è già libero)

Dalle perizie scontro sulla velocità della Audi assassina

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 18 secondi

Si è svolta oggi davanti al giudice per le udienze preliminari di Bolzano Emilio Schönsberg una nuova udienza dell’incidente probatorio per la strage di Lutago de 5 gennaio 2020 che vede indagato per omicidio stradale Stefan Lechner, 27enne.

Il giovane, attualmente libero, era ubriaco al volante della sua Audi Tt, quando travolse un gruppo di giovani turisti tedeschi, uccidendone sette.

In base alla perizia depositata lo scorso agosto dall’ingegner Luigi Cipriani di Verona, incaricato dal tribunale, l’auto condotta da Lechner viaggiava a una velocità di 90 chilometri orari in un tratto in cui il limite è di 50.

Un dato che, insieme all’accertamento, sempre da parte del perito, del fatto che i pedoni investiti non si trovavano sulle strisce, potrebbe fare perfino dimezzare la condanna massima, di 12 anni con rito abbreviato, alla quale rischia di venire condannato Lechner.

Oggi in aula sono stati sentiti i periti di parte civile, tra i quali l’ingegnere Nicola Dinon, secondo il quale l’auto viaggiava ad una velocità superiore ai 100 chilometri orari. Inoltre uno dei ragazzi sarebbe stato colpito sulle strisce pedonali e non fuori dall’attraversamento, come invece sostenuto dal perito del tribunale.

La notizia del 5 gennaio 2020

 

Stefan Lechner, l'imputato per la strage di Lutago

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy