Salta al contenuto principale

Manifesto choc dei Freiheitlichen: Eva Klotz e altri 3 rinviati a giudizio

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 29 secondi

Un anno fa la Sued-Tiroler Freiheit aveva affisso in Alto Adige il manifesto choc di un cadavere con la scritta "Il medico non sapeva il tedesco", ora la procura di Bolzano ha chiesto il rinvio a giudizio per la fondatrice del partito Eva Klotz e altri tre esponenti. Lo comunica la Sued-Tiroler Freiheit in una nota, affermando che "l'aula di tribunale è il luogo giusto per ribadire il diretto dell'uso della madrelingua".

Il partito ribadisce che il manifesto non metteva in discussione le competenze professionali dei medici italiani, ma il diretto del paziente di comunicare nella sua lingua. "Se il ministero della salute vede nell'iscrizione di medici tedeschi un pericolo, allora questo significa che i sudtirolesi sono cittadini di serie B. Questo è palese razzismo e di certo non il manifesto della Sued-Tiroler Freiheit", si legge nella nota.

Il manifesto incriminato: "Il medico non sapeva il tedesco"


L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy