Salta al contenuto principale

Scuola, primo giorno post Covid

L'Alto Adige fa da apripista

con oltre 90mila studenti in classe

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

Oggi prima campanella post Covid per alunni e studenti dell’Alto Adige, capofila in Italia per la riapertura dell’anno scolastico.

In tutto 91.797 bambini e ragazzi questa mattina sono tornati all’asilo e sui banchi di scuola dopo una pausa durata dal marzo scorso, esattamente sei mesi. Nel complesso l’avvio di questo difficile anno scolastico è stato senza intoppi grazie anche agli ingressi differenziati e all’incremento di corse del trasporto pubblico. Sul fronte insegnanti, massiccio è stato il ricorso ai tamponi.

Al via dunque la sperimentazione delle misure di sicurezza: entrate ed uscite scaglionate per ogni classe, con intervalli di 15 minuti, e utilizzo di ogni ingresso disponibile per evitare assembramenti. E poi mascherine obbligatorie per studenti ed insegnanti negli spazi comuni, ma non nelle aule dove viene garantita la distanza di sicurezza fra i banchi. Nelle superiori gli studenti, con ingressi scaglionati ogni 15 minuti, hanno trovato disinfettanti all’entrata ed è stata loro misurata la temperatura.

«Buona la prima, siamo contenti: abbiamo messo il sistema sotto stress, ma tutti hanno risposto bene e le famiglie e le scuole sono soddisfatte», dice il sovrintendente per la scuola italiana della Provincia di Bolzano, Vincenzo Gullotta.

Soddisfatto l’assessore Giuliano Vettorato. «Ero sicuro che le cose sarebbero andate bene: sui trasporti - sottolinea - non ci sono stati assembramenti e nelle scuole i ragazzi hanno seguito i percorsi tracciati, mentre i genitori sono stati responsabili e non hanno creato assembramenti». «Quello di oggi è il coronamento di quello che è stato fatto nei mesi precedenti», afferma il direttore della Ripartizione intendenza scolastica, Tonino Tuttolomondo. «Ci siamo organizzati perché per le nomine degli insegnanti andasse tutto per il meglio, è stato un grande lavoro», aggiunge.

Complessivamente gli iscritti fanno registrare quest’anno in Alto Adige un incremento di poco meno di 500 unità, derivanti però dalla differenza fra i quasi 1.000 studenti in più registrati nelle scuole di lingua tedesca e gli oltre 400 in meno registrati nelle scuole di lingua italiana. Stabili gli iscritti negli istituti di lingua ladina.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy