Salta al contenuto principale

Mamma e bimba morte

con la slitta su Renon:

indagine conclusa

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 14 secondi

La procura di Bolzano ha chiuso l’indagine sull’incidente costato la vita, il 4 gennaio 2019 sul Corno del Renon, a due turiste di Reggio Emilia: la piccola Emily Formisano, di 8 anni, e la madre Renata Dyakowska, 38 anni, che spirò in ospedale quaranta giorni dopo l’incidente.

Siegfried Wolfsgruber, all’epoca dei fatti presidente della società Funivie Corno del Renon Spa, è indagato per omicidio colposo. La Procura ha stabilito anche il concorso di colpa della donna che si trovava sullo slittino con la figlia.

Prosciolto invece il padre e marito delle due vittime, Ciro Formisano, che era stato inizialmente indagato. Wolfsgruber è difeso dagli avvocati Paride D’Abbiero e Andreas Agethle.

Madre e figlia avevano imboccato, su uno slittino, la pista nera riservata agli sciatori anziché quella dedicata alle slitte: persero il controllo dello slittino in un tratto ripido, uscendo di pista e finendo contro un albero. Il giudice per le indagini preliminari aveva disposto in incidente probatorio una perizia sulla correttezza della segnaletica: il consulente Ernesto Rigoni aveva contestato soprattutto la collocazione del cartello, che anziché essere vicino alla pista, era ad una quarantina di metri dalla stazione a monte dell’impianto di risalita.

Nell’avviso di conclusione indagini la Procura non contesta comunque la collocazione del cartello, ma altri tre aspetti: l’assenza di una scritta in italiano del divieto sul cartello, la mancanza di una chiara delimitazione del tratto iniziale della pista nera e l’assenza di barriere protettive nel punto in cui lo slittino uscì di pista.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy