Salta al contenuto principale

Tre arresti per rapina:

vittime un'aziana

e un uomo in bicicletta

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

Un italiano di 38 anni è stato arrestato dalla squadra mobile di Bolzano in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Bolzano per una tentata rapina aggravata avvenuta il 15 gennaio ai danni di un’anziana in via Positano.

Nella circostanza, la donna, residente nei paraggi, si era accorta di essere seguita da un uomo, che, dopo qualche minuto, l’aveva colpiva alla schiena, facendola cadere per terra e cercando di portarle via la borsa.

L’anziana non aveva mollato la presa e, urlando, aveva fatto scappare l’aggressore.

Grazie all’analisi degli impianti di videosorveglianza della zona e grazie alla collaborazione della vittima, la Mobile ha individuato l’uomo, già indagato per un’altra rapina avvenuta in via Alto Adige a fine dicembre dello scorso anno.

La Squadra volanti di Bolzano ha invece arrestato un 24enne marocchino ed un 26enne afgano, entrambi con diversi precedenti a carico per rapina, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e condotti in carcere.

I due hanno rapinato un uomo pakistano che stava percorrendo una via della zona artigianale del capoluogo a bordo della sua bicicletta: uno lo ha bloccato da dietro premendogli una mano sulla bocca mentre l’altra gli ha frugato nelle sue tasche e poi, quando il pakistano ha cercato di divincolarsi, lo ha picchiato con pugni al volto.

I due, dopo aver sottratto denaro, chiavi di casa ed altri effetti personali, sono scappati nella zona dismessa della ferrovia. Il rapinato, ancora dolorante, ha chiamato i soccorsi, fornendo una descrizione precisa del vestiario e della via di fuga dei responsabili. A quel punto, mentre le Volanti effettuavano una ricerca in zona, la Sala operativa si è messa in contatto con la Polizia ferroviaria, per cercare di individuare i fuggiaschi con i sistemi di videosorveglianza della stazione.

Tenuti sotto controllo dall’occhio elettronico, i due sono stati raggiunti e, dopo aver cercato di opporre resistenza all’arresto, bloccati dalle pattuglie della Questura.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy