Salta al contenuto principale

Medici che sanno solo il tedesco

il ministro ferma la legge di Bolzano

e Kompatscher resiste in giudizio

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

Dopo l’impugnazione da parte del governo della legge europea della Provincia di Bolzano, nel passaggio relativo alla sola conoscenza della lingua tedesca per l’iscrizione agli ordini professionali, soprattutto l’albo dei medici, la giunta provinciale ha deciso di resistere in giudizio di fronte alla Corte Costituzionale.

«L’obiettivo - ha detto il governatore Arno Kompatscher - è quello di difendere il principio dell’equiparazione tra lingua italiana e quella tedesca, considerato colonna portante dello Statuto di autonomia». Nel frattempo si lavora a livello politico per giungere ad una soluzione concordata e condivisa. Kompatscher ha ribadito, che tale eccezione ovviamente riguarda solo professionisti che operano in Alto Adige.

Sabato 18 gennaio il Ministro Boccia, sarà a Bolzano per incontrare il presidente della provincia autonoma Arno Kompatscher. Il colloquio a Palazzo Widmann sarà dedicato a temi legati allo sviluppo dell’autonomia e alla tutela delle minoranze. È anche previsto un incontro con i parlamentari.
Kompatscher, dopo la seduta della giunta provinciale, ha ribadito che il ministro è «sempre disponibile ad ascoltare le nostre istanze che riguardano l’autonomia altoatesina».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy