Salta al contenuto principale

Il consorzio turistico 

non vuole il lupo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

Il Consorzio Turistico Alpe di Siusi Marketing lancia un appello anti-lupo con una lettera aperta indirizzata all’assessore altoatesino Arnold Schuler e al direttore dell’ufficio caccia e pesca della Provincia di Bolzano Luigi Spagnolli. Un branco di lupi nei giorni scorsi avrebbe, infatti, sbranato una decina di pecore che pascolavano sull’alpe. «La convivenza tra uomo e bestiame da un lato e il lupo dall’altro non funziona», affermano il presidente e la direttrice del Consorzio, Eduard Troebinger e Carmen Seidner, nella lettera.
Il settore turistico dell’altopiano teme che sempre più allevatori abbandoneranno gli alpeggi per paura del lupo. «Con gli alpeggi abbandonati e non curati è a rischio l’immagine dell’Alto Adige come meta turistica tranquilla e sicura», si legge nella lettera. «La percezione di pericolo - concludono Troebinger e Seidner - spesso non è razionale, anche se i rischi per l’uomo sono minimi»

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy