Salta al contenuto principale

Alpinista muore sul Gran Sasso

La vittima è un sacerdote altoatesino

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 46 secondi

È di Vandoies l'uomo morto stamani sul Gran Sasso, dove giunto a quota 2.800 metri è precipitato per 400 metri, mentre stava ascendendo al Corno Grande, con un'altra persona, per la Direttissima. Si tratta di Severin Leitner, 70 anni, alto prelato gesuita, consulente del Preposito Generale dei Gesuiti per l'Europa centrale e orientale. Lo accompagnava un altro prelato, austriaco, illeso. Determinante per l'incidente, secondo la ricostruzione, l'abbondante neve presente sul posto. L'allarme è stato dato da una turista tedesca - anche lei sulla 'Direttissimà - che ha assistito e chiamato attraverso il cellulare i Vigili del Fuoco. Questi ultimi hanno rivolto la segnalazione al 118. Entrambi i prelati era partiti stamani da Roma raggiungendo campo Imperatore, in provincia dell'Aquila, alle 8. Quindi si erano avviati perfettamente attrezzati per una progressione in sicurezza. Il corpo è stato recuperato da personale del Soccorso Alpino portato in quota dall'elicottero del 118, in prossimità del Sassone, a circa 2.400 metri di quota. Successivamente è stato portato nell'obitorio dell'ospedale dell'Aquila.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy