Salta al contenuto principale

L'Itas sperimentale va ko

Padova si impone per 3-0

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 7 secondi

Il primo test match ufficiale della stagione 2019/20 riserva uno stop indolore ad un’Itas Trentino ancora largamente incompleta. Privi di ben sette dei tredici elementi della rosa, al PalaRicolt di Sedico i gialloblù si sono inevitabilmente presentati all’appuntamento in terra bellunese con un sestetto sperimentale, che poteva contare solo su cinque atleti che poi disputeranno effettivamente l’imminente stagione. Nonostante tutto ciò, Daldello e compagni hanno lottato alla pari per tutta la durata della gara con una Padova con meno assenze e con nelle gambe già tre match veri.

Lorenzetti ha alternato Vettori (9 punti in un set e mezzo) e Djuric (6) nel ruolo di opposto per far guadagnare un buon minutaggio ad entrambi, ma alla fine il più prolifico dei gialloblù è stato Codarin, scatenato al centro con quattro muri, un ace ed il 50% in primo tempo. A rete, interessante anche la prova di Sosa Sierra (il più continuo su palla alta), che ha dimostrato in questa occasione di star velocemente assimilando il cambio di ruolo (da posto 3 a posto 4).
Fra le fila della Kioene in evidenza un altro centrale: Volpato, best scorer con 13 punti e l’85% in attacco.

Al di là del risultato, che in questa fase iniziale della stagione - e con le squadre molto lontane dalla fisionomia che poi assumeranno in campionato - conta sempre in maniera relativa, e dei progressi evidenziati dalla squadra, il test con Padova ha avuto un importante scopo solidale. L’incasso della gara - con più di 1200 persone accorse al palazzetto per assistere - ha permesso di raccogliere fondi in favore del Gruppo Autismo di Belluno, che da anni opera per offrire supporto ai soggetti autistici nella loro crescita e maturazione individuale. La partita “Tutti in campo per l’Autismo” verrà quindi ricordata prima di ogni altro aspetto proprio per il suo grande significato benefico e per la grande partecipazione di pubblico (PalaRicolt tutto esaurito).

«Sono soddisfatto dell’atteggiamento, della battuta e a tratti dell’attacco che la squadra ha saputo mettere in campo - ha commentato a fine gara il tecnico Angelo Lorenzetti -. I ragazzi hanno fatto quello che avevo chiesto alla vigilia, soprattutto a livello di mentalità perché, pur trovandosi spesso ad inseguire, non hanno mai mollato e, anzi, si sono resi spesso protagonisti di belle rimonte. Così facendo avremmo anche potuto portare a casa il primo set, sfuggitoci solo ai vantaggi».
L’Itas Trentino tornerà a lavorare alla BLM Group Arena già nel tardo pomeriggio di oggi, per iniziare la seconda parte della sesta settimana di preparazione, che si concluderà sabato mattina.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy