Salta al contenuto principale

Pinturault domina il parallelo

A Lech un disastro azzurro

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 10 secondi

L’Italia affonda nelle nevi di Lech mentre il francese Alexis Pinturault - 29 anni e 30° successo in coppa - ha dominato lo slalom parallelo gigante davanti al norvegese Henrik Kristoffersen ed al tedesco Alexander Schmid.

Gli azzurri invece a Lech, località tirolese dell’Arlberg che ospita un turismo d’elite tornata per la prima volta in coppa 26 anni dopo il trionfo di Alberto Tomba nei due slalom che allora si disputarono, segnano un punto bassissimo di rendimento. Infatti nessun atleta italiano compare in classifica, non solo tra i migliori 16 che avevano superato la prova di qualifica ma neppure tra i primi trenta che vanno comunque a punti in coppa del mondo.

Dei quattro italiani al via Roberto Nani ha chiuso 34°, Luca De Aliprandini 40°, Giovanni Borsotti 45° ed Hannes Zingerle è andato subito fuori per una inforcata.

Insomma un gara da dimenticare al più presto ma avendo anche presente che pure a questa particolare disciplina bisogna dedicare attenzione e preparazione specifica.

I gigantisti azzurri dopo la disfatta hanno tutti giurato - e ci mancherebbe - di volersi concentrare al massimo sul prossimo impegno che sarà proprio in Italia.

A Santa Caterina Valfurva il 5 e 6 dicembre ci saranno infatti due slalom gigante in sostituzione di quelli cancellati in val d’Isere per mancanza di neve. Nelle stesse due giornate le ragazze saranno invece a St. Moritz per due superG: le gare giuste per Sofia Goggia, Marta Bassino e Federica Brignone.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy