Salta al contenuto principale

Olimpiadi invernali 2026

soddisfazione del Coni trentino

«Ci saremo anche noi»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

L’Italia sarà la sede delle Olimpiadi invernali 2026. Vincono Milano, Cortina ed il Trentino Alto Adige. Le due province autonome ospiteranno le gare di pattinaggio di velocità a Baselga di Pinè, quelle di fondo in valle di Fiemme, a Lago di Tesero il salto con gli sci e allo stadio «Giuseppe Dal Ben» di Predazzo, mentre il biathlon sarà nello stadio di Anterselva, in Alto Adige.

«Un successo per tutta l’Italia sportiva e per il Trentino.Il mio grazie va al presidente del Coni, Giovanni Malagò, che in questi mesi si è speso in prima persona per sostenere la candidatura assieme ai quadri tecnici e manageriali che compongono il nostro movimento sportivo. Un plauso va anche ai dirigenti della Provincia autonoma di Trento assieme ai responsabili dei tre siti di gara: Predazzo, Tesero e Baselga di Pinè. Questo risultato è il giusto premio per l’impegno istituzionale profuso. Ora si tratta di dare operatività piena al progetto olimpico Milano-Cortina 2026 attraverso dialogo, concretezza e buona volontà. Valori fondativi che devono costituire la base di una iniziativa la cui eredità sarà patrimonio anche della nostra comunità alpina», commenta la presidente del Coni - Comitato provinciale di Trento, Paola Mora.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy