Salta al contenuto principale

Dopo la Wierer, altro oro

nella «mass start» di biathlon

con l'impresa di Windisch

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 41 secondi

Un oro italiano ai mondiali di biathlon mancava da 22 anni ed oggi, insieme, ne sono arrivati addirittura due. Incredibile a Oestersund: se il primo titolo iridato della carriera di Dorothea Wierer era un premio alla stagione della consacrazione di un’atleta già fortissima, che non a caso è anche pettorale giallo in Coppa del mondo, quello che poche ore dopo conquista Dominik Windisch era del tutto impronosticabile. Alla vigilia, ma soprattutto dopo tre quarti gara. Windisch, che non era neppure certo di partecipare alla mass start prima dei Mondiali e ha dovuto racimolare altri punti preziosi per entrare nei primi trenta, si è presentato al quarto e ultimo poligono in undicesima posizione, con 54«3 di ritardo dal russo Garanichev e praticamente lo stesso distacco da sua maesterà Johannes Boe, dominatore della stagione. Ci voleva un miracolo per arrivare alla medaglia, è arrivato addirittura il trionfo, perchè dopo un errore in ciascuna serie, Windisch ha trovato lo zero nell’ultima serie in piedi, mentre Boe mancava cinque bersagli su cinque e anche tutti gli altri sbagliavano a ripetizione.

Colpa della folata di vento, che c’era per gli altri e c’era per Windisch, che evidentemente ha nel cognome (in tedesco «ventoso») un destino scritto. Lui nel vento si trova a suo agio. E non ha sbagliato un solo colpo. L’impresa di Windisch resterà per sempre nella storia del biathlon, perchè una gara così pazza, seppure in uno sport altamente imprevedibile, quasi mai si era vista.
L’altotesino di 29 anni, che arriva dallo stesso piccolo comune di Wierer, Rasun, ha dimostrato una condizione invidiabile sugli sci, perchè, altro merito indiscutibile, ha avuto il merito di presentarsi al top della forma nell’appuntamento più importante dopo tutti i problemi emersi durante la stagione. Non è mai salito sul podio in Coppa del mondo, ma ha vinto addirittura la medaglia d’oro, chiudendo con 22«8 sul francese Antoni Guigonnat, che sembrava fuori gara dopo gli errori al primo poligono ed è andato a vincere la medaglia d’argento, e 23»3 sull’austriaco Julian Eberhard, medaglia di bronzo. Johannes Boe, con sette errori, è finito addirittura 13°, peggior risultato stagionale.

Stesso numero di errori per Lukas Hofer, che pure aveva cominciato benissimo, con lo sero alla prima serie, e si era presentato di fianco a Boe al secondo poligono, dove ha mancato due bersagli.
Poi alla prima serie in piedi ha sbagliato quattro volte e la sua lotta per le medaglia è finita lì, con il 17° posto che gli consente comunque di portare a casa dei punti utili per la classifica generale, dove perde la top ten, ma potrà riconquistarla la settimana prossima a Oslo, nella tappa conclusiva.

Ad Oestersund per applaudire personalmente la vittoria di Wierer e Windisch c’era anche il presidente della Provincia Arno Kompatscher, che questa sera riceverà il testimone dai colleghi svedesi per il passaggio di consegne con Anterselva, dove si svolgerà la prossima edizione dei mondiali di biathlon. «Sono state due gare incredibilmente avvincenti» ha commentato il presidente Kompatscher, che dagli spalti dello stadio di Oestersund ha fatto il tifo durante tutta la gara. «Dorothea Wierer e Dominik Windisch, due biatleti eccezionali, si sono più che guadagnati questi due titoli mondiali. Tutto l’Alto Adige è orgoglioso e si congratula con loro per queste due grandiose vittorie».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy