Salta al contenuto principale

F1, l'idea folle Red Bull:

infettare i piloti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 13 secondi

Un’idea folla a cui di questi tempi è davvero difficile poter credere. Se non fosse che a partorirla è un personaggio della Formula 1 non nuovo a uscite spericolate: questa volta però il boss della Red Bull Helmut Marko ha superato ogni limite, dell’emergenza Covid-19. Come risolvere il problema coronavirus nella scuderia austriaca? Infettare i piloti (Max Verstappen e Alexander Albon i titolari) per renderli immuni e poter iniziare al più presto la stagione di Formula 1. «La mia idea era di organizzare un camp per riempire questo periodo morto e lavorare dal punto di vista fisico e mentale - ha detto Marko alla tv austriaca ORF - Per i piloti sarebbe stata l’occasione ideale per contrarre il coronavirus. In questo modo sarebbero poi stati pronti per quando comincerà l’azione».

Un’idea assurda, che ovviamente non è stata avallata. «Mettiamola così, diciamo che non è stata ben accolta...».

Insomma prendere il Covid-19, superarlo vista la giovane età e le condizioni fisiche dei piloti, per poi diventare immuni. La strategia, già poco convincente, non è peraltro suffragata da evidenze scientifiche. «Tra Red Bull e Toro Rosso abbiamo 4 piloti, più 8-10 nel programma junior. Sono tutti ragazzi forti e in piena salute, dopodiché sarebbero pronti per una stagione dura», l’incredibile ragionamento di Marko.

Sempre il boss della Red Bull alcuni giorni fa si era divertito a stuzzicare Verstappen sulla sua paura di contrarre il Coronavirus: «Max è terrorizzato - aveva detto il manager austriaco - sarebbe meglio se prendesse il virus».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy