Salta al contenuto principale

F1: Azerbaigian, vince Hamilton

davanti a Raikkonen. Vettel quarto

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 23 secondi

Lewis Hamilton su Mercedes ha vinto un rocambolesco gp dell'Azerbaigian, pieno di caos e colpi di scena, davanti a Kimi Raikkonen e a Sergio Perez (Force India). Beffato il ferrarista Sebastian Vettel, quarto, ma a lungo al comando della gara, che è stata condizionata da una massiccia presenza in pista della safety car che ha finito per danneggiare il pilota tedesco. Disastro RedBull, i due piloti Ricciardo e Verstappen duellano a lungo, poi il primo tampona il secondo e entrambi vanno fuori.

LA CRONACA DEL GP

Incidente subito al via del gran premio di F1 che si corre a Baku in Azerbaigian. Poco dopo la partenza, in una curva stretta c'è stato un contatto fra il ferrarista Raikkonen e Ocon (Force India), coinvolto a cascata anche il russo Sirotkin sulla Williams. Intervento della safety car. Alla partenza era scattato bene davanti a tutti Sebastian Vettel, precedendo Lewis Hamilton.

Dopo cinque giri in regime di safety car per il contatto alla terza curva, il gran premio è ripartito. Intanto Esteban Ocon pilota della Force India e Sergej Sirotkin su Williams sono stati costretti al ritiro.

Al sesto giro, Vettel è al comando del gp di Azerbaigian, seguito da Hamilton a tre secondi e poi da Bottas. Quarto posto, dopo una serie di audaci sorpassi, Verstappen, mentre Raikkonen, coinvolto nel contatto alla partenza con ocon e Sirotkin, occupa l'undicesima posizione.

Scontro in famiglia tra le Red Bull al gp di Azerbaigian, Ricciardo e Verstappen fuori gara, e ancora safety car in pista, cosa che avvantaggia la Mercedes di Bottas al momento in testa alla corsa. I due piloti RedBull per tutta la gara hanno duellato, in fondo al rettilineo Ricciardo ha tamponato Verstappen.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy