Salta al contenuto principale

Il tour di Michele Grieco

arriva al passo dello Stelvio

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 5 secondi

«Il Trentino visto dal sellino di una bicicletta è bellissimo. Dovremmo puntare sempre di più sul cicloturismo. Abbiamo tutto: città monumentali come Trento Rovereto e Riva, castelli, valli incontaminate, le Dolomiti. In auto questa ricchezza sfugge, su una bicicletta invece riesci a cogliere la bellezza che ci circonda». Di chilometri in sella l'atleta paralimpico Michele Grieco in queste prime 5 tappe del suo giro del Trentino (con molti sconfinamenti visto che ieri ha pernottato a Prato allo Stelvio) di chilometri ne ha "macinati" tanti: solo ieri 130 e sabato, quando concluderà il suo viaggio arrivando alla redazione dell'Adige, ne avrà fatti mille.

«Oggi (ieri per chi legge, ndr) - racconta - il clima era ideale e la visibilità perfetta. Da Caldaro sono salito alla Mendola dove si gode di una vista stupenda sulla Val d'Adige. Sceso a Fondo, mi sono diretto verso l'alta val di Non salendo fino alla forcella di Brez: sono 4 chilometri di cui 2 con pendenza del 15%. Il paesaggio però è bellissimo: poco traffico e chilometri e chilometri tra pascoli e foreste. Così anche in val d'Ultimo». Infine la discesa verso Merano e poi via lungo la ciclabile della val Venosta. Per oggi è in calendario un tappone: Michele Grieco affronterà i passi dove è stata scritta la storia del ciclismo: lo Stelvio (2.758 metri) e a seguire il passo di Gavia (2.621 metri).

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy