Salta al contenuto principale

Va a gareggiare alll'estero,

il Vc Borgo sotto inchiesta

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 23 secondi

Il Veloce Club Borgo finisce sotto inchiesta. Il team organizzatore della Coppa d'Oro (in foto) , presieduto da Stefano Casagranda che è vice del Comitato trentino della Federciclismo, assieme ad altre società viene messo sotto accusa dalla procura federale della Federazione nazionale per aver partecipato a una gara giovanile organizzata nello scorso fine settimana in Slovenia. 

In Italia le gare di ciclismo devono ancora ricevere il via libera mentre all'estero l'attività è già iniziata. Lo scorso 30 giugno il Consiglio federale della Fci aveva prorogato per i propri tesserati il divieto di partecipare a competizioni oltrefrontiera: «Riguardo la possibilità per gli atleti italiani di gareggiare all'estero, la Federazione ha ribadito che stante le attuali disposizioni ciò non è possibile fino al 14 luglio, salvo che per gli atleti e le squadre ProTour e Professional». Il Vc Borgo - ad avviso del suo presidente ignaro di questa proroga - aveva deciso già in precedenza di effettuare una gita con i propri Allievi e i loro familiari.

E a Kostanjevice Thomas Capra aveva addirittura la gara di 23,4 km, precedendo fra gli altri il compagno Tommaso Pasini (4°) e Nicolò Cuel (14°). I risultati non sono sfuggiti all'attenzione dei dirigenti di altre società che hanno fatto partire la segnalazione e la conseguente apertura di un fascicolo di indagine da parte della procura. Dieci giorni fa Casagranda in un'intervista al nostro giornale si era lamentato per la situazione venutasi a creare, lanciando l'allarme sull'addio all'attività agonistica da parte di alcuni giovani atleti: «I ragazzi si sono allenati e hanno tutti una grandissima voglia di "spaccare il mondo", anche se è difficile spiegare loro che non possono fare le gare ma che però possono andare al lago in mezzo a una bolgia».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy