Salta al contenuto principale

Oggi parte la Vuelta:

Carapaz non sarà al via,

l'Italia punta su Aru

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 59 secondi

L’attesa è finita, oggi parte la Vuelta a España, terza e ultima grande corsa a tappe della stagione di ciclismo. La settantaquattresima edizione del Giro di Spagna inizia con una cronometro a squadre di diciotto chilometri (partenza e traguardo a Torrevieja) e come di consueto prevede ventuno tappe per i corridori che, per raggiungere la capitale Madrid, sede di arrivo dell’ultima frazione in programma domenica 15 settembre, dovranno percorrere il paese iberico in lungo e in largo per un totale di 3.272,2 km. Soltanto due le cronometro: oltre alla cronosquadre iniziale, prevista una cronoscalata nella decima tappa.

In generale, sarà una Vuelta ricca di salite: ben nove le frazioni di montagna, con alcune ascese complicate come il Coll de la Gallina (pendenza media dell’8,3%) o il Santuario dell’Acebo con punte al 15% nel corso dei quasi dieci km di asperità. La 19^ tappa, con arrivo a Toledo, potrebbe essere decisiva in chiave vittoria finale. Sei, invece, gli appuntamenti da cerchiare in rosso per i velocisti. Le restanti quattro frazioni sono interlocutorie e hanno un percorso mosso e ricco di saliscendi.
Due i giorni di riposo, previsti per lunedì 2 e martedì 10 settembre.

Sono ventidue le squadre al via, le diciotto World Tour partecipanti di diritto e quattro Professional Continental invitate dall’organizzazione, composte ciascuna da otto atleti. In palio c’è la conquista dell’ambita maglia rossa: quest’anno in tanti possono puntare alla vittoria finale, ma non c’è un vero e proprio favorito della vigilia.

Uno degli uomini più attesi, il vincitore dell’ultimo Giro d’Italia Richard Carapaz, ha dovuto issare bandiera bianca cancellandosi dalla start list a due giorni dal via in seguito a un problema alla spalla, e non farà parte di quello che doveva essere il dream team della Movistar, che dunque si presenta con il redivivo Nairo Quintana e il campione iridato e idolo di casa Alejandro Valverde. Vincenzo Nibali non ci sarà: lo Squalo dello Stretto, che ha firmato per la Trek-Segafredo dopo le difficoltà al Tour ma con la soddisfazione di una vittoria di tappa, aveva già programmato di non correre in Spagna. I colori azzurri saranno così difesi da Fabio Aru: il sardo ha già vinto la Vuelta nel 2015 ed è in un buono stato di forma. Sarà il capitano dell’UAE Emirates, che propone tra le proprie fila anche Fernando Gaviria, favorito numero uno per gli sprint insieme a Bennett e Jakobsen.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy