Salta al contenuto principale

Per la Freccia-Vallone

è il tris del francese

Alaphilippe che domina

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 40 secondi

Prima la Strade Bianche, poi la Milano-Sanremo, oggi la Freccia-Vallone, da campione in carica e al culmine di una straordinaria rimonta che si è materializzata sul muro di Huy. Il francese Julian Alaphilippe regala il bis al termine di una gara durissima: è riuscito a non farsi staccare dal Jakob Fuglsang sulle ultime rampe di una salita terrificante, con pendenze ben oltre il 25 per cento, ha stretto i denti, resistito oltre la fatica e poi si è portato al comando, tagliando il traguardo col rischio di ribaltarsi.

«Ringrazio i miei compagni, che sono stati bravissimi a riportarmi in gara, dopo che mi ero fermato per cambiare la bici - ha detto ai microfoni Rai -. Fuglsang? Lo avevo già battuto alle Strade Bianche, ma oggi è stato durissimo da superare: quel muro non finiva mai».

I due, dopo avere dato spettacolo sul muro di Huy, si sono abbracciati sul traguardo, firmando un armistizio dopo che all’Amstel Gold Race avevano gareggiato l’uno contro l’altro, in singolar tenzone, annullandosi a vincere. Il giovane Van der Poel li aveva messi d’accordo, aggiudicandosi la ‘Corsa della birrà. La Freccia-Vallone ha premiato anche il toscano Diego Ulissi con un posto sul podio alle spalle dei due rivali. Un chiaro segnale di come il corridore della UAE Emirates sia ormai maturo e pronto per un successo prestigioso.

La giornata per il ciclismo italiano con era cominciata nel migliore dei modi, a causa della brutta caduta di Domenico Pozzovivo: il corridore lucano della Bahrain-Merida ha subito anche una botta alla testa, ma non ha mai perso conoscenza. È stato immobilizzato con un collare e trasportato in ospedale; a terra, e ritirati, anche il ceco Roman Kreuziger e il britannico Adam Yates, che hanno dovuto dire addio a ogni sogno di gloria.

Il trittico delle Ardenne si concluderà domenica con la disputa della Liegi-Bastogne-Liegi, alla quale parteciperà anche Vincenzo Nibali per provare la condizione in vista del Giro d’Italia e magari, chissà, migliorare il secondo posto ottenuto nel 2012 alle spalle del kazako Maksim Iglinskij.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy