Salta al contenuto principale

Daniel Oss il più forte sulle salite in California

Il perginese ha vestito la prestigiosa maglia a pois

Una settimana di tappe tra Las Vegas e Los Angeles, 41° nella generale e l'altro trentino Matteo Trentin 74°

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

Il perginese Daniel Oss, trentino della Bmc, ha conquistato sul traguardo della «città degli angeli» il primato della classifica dei Gran Premi della Montagna al termine dell’Amgen Tour della California, che ha visto il trionfo dello slovacco Peter Sagan della Tinkoff con 3” di vantaggio su frnacese Julian Alaphilippe della Etixx-Quick Step, terzo il colombiano Henao del Team Sky finito a 37”, quarto l’americano Dombrovsky a 1’14”.

Nella generale Oss è 41° a 28’26” mentre l’altro trentino, il borghigiano Matteo Trentin, che non è ancora nel pieno della forma che vorrebbe raggiungere per il Tour, compagno di squadra di Alaphilippe, finito al 74° posto a 42’24”. Oss è stato molto combattivo in questa competizione americana che aveva preso il via domenica scorsa da Sacramento, quindi transitando da San Josè, Avila Beach, S. Clarita, Big Bear Lake a crono, Mt Baldy fino a Los Angeles (5 volte a segno Cavendish, 3 volte Sagan, 1 a testa il danese Skujins e Alaphilippe).

Il perginese ha conquistato la maglia a pois dei Gp della montagna con 48 punti, distanziando Skuijins a 33, quindi terzo il neozelandese Morton a 20, Alaphilippe e il sudafricano Johann Van Zyl a 14. I migliori piazzamenti di Oss sono stati un 8° ad Avila Beach, 10° nella crono di Big Bear Lake e 11° a Los Angeles.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy