Salta al contenuto principale

Oggi Inter-Sassuolo

Conte ricarica la squadra

e punta su Esposito

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 59 secondi

Rialzare la testa dopo due sconfitte di fila, provando a cancellare il ruolo di bestia nera del Sassuolo. L’Inter di Antonio Conte va a caccia dei tre punti per ricominciare a correre dopo i due passi falsi contro Barcellona e Juventus. Le insidie sono però dietro l’angolo, non solo per le assenze di Sanchez, Sensi e D’Ambrosio, ma anche perchè i neroverdi hanno vinto ben 7 delle 12 sfide contro i nerazzurri. Conte però non sembra preoccuparsene: «Abbiamo lavorato benissimo, questo mi lascia molto sereno. Mi fido di tutta la rosa, ho grande fiducia: affronteremo la situazione a testa alta e petto in fuori, pronti a dare battaglia».

A partire dalla partita di oggi a mezzogiorno e mezzo a San Siro contro il Sassuolo. «È una partita importante per loro, importantissima per noi - le parole di Conte -. Ci misureremo con una splendida realtà come il Sassuolo, vanno i fatti i complimenti a chi l’ha creato e per questo spiace per la perdita del presidente Squinzi. Noi dobbiamo continuare ad avere regolarità di risultati e prestazioni».

Fiducia totale nella sua Inter, quindi, tanto da allontanare anche le voci su Ibrahimovic, una delle possibili idee per il mercato di gennaio. «Ho grandissimo rispetto verso di lui ma parlare di altri giocatori non è giusto per quel che mi stanno dando i miei calciatori e che spero continuino a darmi, ho fiducia in loro. Sanchez? C’è molto dispiacere, aveva cominciato a dare un grande apporto. A volte alcune tegole possono dare stimoli per fare ancora più quadrato, dobbiamo uscire più forti dalla disavventura».

L’assenza di Sanchez ha però messo sul trampolino di lancio il classe 2002 Sebastiano Esposito, che l’Inter non ha lasciato alla Nazionale Under 17 per i Mondiali di categoria dopo l’infortunio del cileno. «È una polemica inesistente», ha commentato Conte. «A Viscidi, il coordinatore delle nazionali giovanili, ho detto che ero felicissimo di mandarlo ai Mondiali e gli ho detto ‘mi auguro solo non succeda nientè, lui ha capito. Esposito è assolutamente pronto, lo stavo per far giocare con il Barcellona. Nelle disgrazie ci sono opportunità quindi vediamo il bicchiere mezzo pieno».

Proprio Esposito potrebbe essere la mossa a sorpresa di Conte, seppur Lautaro sia in vantaggio nel ruolo di spalla di Lukaku nel classico 3-5-2. In difesa Godin può lasciare spazio a Bastoni, mentre a centrocampo Gagliardini e Vecino si contendono il posto di Sensi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy