Salta al contenuto principale

Aspettando Sanchez, per l'Inter

65 mila biglietti venduti

per l'esordio a San Siro

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 0 secondi

In attesa dell’imminente arrivo di Alexis Sanchez a Milano, l’Inter si prepara ad accogliere una nuova «invasione» a San Siro. Dopo aver chiuso la scorsa stagione con il record di spettatori in Serie A (1.100.000 presenze complessive), ecco iniziare il nuovo campionato sulla stessa falsariga: per il debutto di Conte in panchina e di Lukaku in campo sono attesi al Meazza circa 65mila tifosi, un’affluenza in linea con i quasi 60mila per Inter-Torino di dodici mesi fa.

Ma le richieste di biglietti continuano ad arrivare e la società ha optato per aprire anche il terzo anello per accogliere tutti i sostenitori e dare loro la possibilità di abbracciare virtualmente il nuovo tecnico che, nei sogni e nelle ambizioni, dovrà riportare titoli e gloria al club dopo anni di anonimato.

Un dato imponente che si allaccia a doppio filo all’effetto Conte registrato nella vendita degli abbonamenti - con 40mila tessere bruciate in poche settimane - ma che dovrebbe anche far riflettere sul progetto relativo al nuovo San Siro, con il masterplan - già presentato al Comune - del nuovo impianto condiviso con il Milan destinato ad avere una capienza massima di 60mila posti.

Ma per Conte l’imperativo all’esordio, contro la squadra della sua città, è non sbagliare e partire con il piede giusto per fomentare l’entusiasmo della piazza. Un fermento che potrebbe amplificarsi ulteriormente con l’acquisto di Sanchez: il Manchester United non ha ancora dato il via libera alla cessione del cileno ma la presenza odierna ad Appiano Gentile dell’avvocato Angelo Cappellini - il legale che si occupa della stesura dei contratti - con il resto della dirigenza nerazzurra fa pensare che gli accordi siano prossimi alla firma.

Da risolvere, in particolare, sono le ultime pendenze tra Sanchez e lo United: Fernando Felicevich, manager dell’attaccante cileno, e l’amministratore delegato dei Red Devils, Ed Woodward, sono in continuo contatto per arrivare alla fumata bianca decisiva.

Conte aspetta e prepara la formazione: in attacco subito spazio a Lukaku che dovrebbe fare coppia con Lautaro, con il giovane Esposito pronto a subentrare in caso di necessità; in mezzo al campo Candreva e Asamoah presidieranno le corsie esterne, Sensi e Brozovic saranno in cabina di regia, Barella e Vecino si giocano l’ultima maglia da titolare; in difesa D’Ambrosio prenderà il posto dell’infortunato Godin. Un undici all’assalto dei primi tre punti dell’era Conte.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy