Salta al contenuto principale

Sinisa Mihajlovic già in ospedale

per affrontare la leucemia

fin dal primo momento

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

Sinisa Mihajlovic è entrato oggi in ospedale per cominciare la terapia. Lo fa sapere il Bologna.
L'inizio era fissato per domani, ma l'allenatore serbo, d'accordo con lo staff medico della società e di quello del reparto di ematologia dell'Istituto Seragnoli del Policlinico Sant'Orsola, ha anticipato il suo ingresso in ospedale.
Sabato, in una conferenza stampa, Sinisa Mihajlovic aveva annunciato di essere affetto da leucemia. Il medico sociale del Bologna aveva spiegato che la diagnosi è stata molto precoce.

Stretto nell’affetto dei suoi familiari dopo una giornata carica di emozioni, il tecnico del Bologna raccoglie le forze, in totale privacy, per la partita più importante di sempre. «Di Forza ne abbiamo tanta, ma con il vostro Amore siamo imbattibili. Grazie a tutti», è il post su Instagram della moglie Arianna, che ha riaperto la porta a una valanga di commenti, da Milinkovic Savic ad Alessia Marcuzzi, a tantissimi ammiratori serbi del tecnico di Vukovar.

Ma ora arrivano i giorni da vivere da soli. Non una parola su di lui e su come si prepara a combattere il male che lo ha colpito, una forma di leucemia, arriveranno ora all'infuori dei comunicati stampa dello staff  medico.

L’abbraccio più forte per Sinisa arriva però dai suoi ragazzi. Da quel ‘patto’ nello spogliatoio con cui gli atleti hanno promesso di lavorare e giocare per il loro mister. Un lottare «insieme» che colpisce nel segno. «Lo aspettiamo presto» è il messaggio che filtra, l’unico forte e chiaro, a poche ore dal commovente annuncio con cui Mihajlovic ha ufficializzato quanto, purtroppo, nel suo entourage era già nell’aria da alcuni giorni. Il serbo non molla, reagisce. Lo ha dichiarato sabato pubblicamente e lo dimostra pure il fitto programma del ritiro impostato giorno per giorno per i suoi ragazzi fin da prima della partenza, con tanto di compiti specifici assegnati allo staff. È il modo, per il condottiero serbo, per non permettere che la tempesta emotiva prenda il sopravvento. Nè sul campo di gioco, nè su quello privato.


   

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy