Salta al contenuto principale

Con Antonio Conte all'Inter

è già boom abbonamenti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 25 secondi

Quarantamila dimostrazioni di fedeltà. Gli abbonamenti stagionali dell’Inter, per il 2019-2020, sono già sold out. Un mese dopo il triplice fischio della partita batticuore contro l’Empoli che è valsa il pass per la Champions, è stato raggiunto il tetto massimo di circa 40mila abbonamenti. E la società ha deciso, per la prima volta nella sua storia, di creare addirittura una lista d’attesa per la stagione 2020-2021.

Non sono serviti nomi di giocatori blasonati o colpi di mercato ad effetto per convincere i tifosi. San Siro è sempre stato gremito e la spinta a sbriciolare ogni record (30 mila gli abbonamenti confermati, 10 mila quelli raggiunti in una settimana di vendita libera) l’ha data l’arrivo di Antonio Conte, l’uomo che deve portare un trofeo in nerazzurro. E a fare la differenza è stato anche il ritorno di Lele Oriali che sarà team manager nerazzurro pur mantenendo l’incarico con la Figc.

«Stamattina, d’accordo con l’Inter, abbiamo definito la posizione di Oriali: ci ha chiesto la possibilità di tornare a casa - racconta il presidente della Figc Gabriele Gravina - in una società emotivamente che sente ancora sua. Abbiamo rispettato quella che era la volontà di Mancini e di Oriali e abbiamo conservato la possibilità con Oriali di continuare sino all’Europeo 2020».

Uno dei personaggi più amati dal popolo interista che vuole essere presente sugli spalti del Meazza. Anche perchè potrebbe essere una delle ultime stagioni nella Scala del calcio.

L’intenzione di Inter e Milan è di realizzare un nuovo stadio, la prossima settimana o forse quella successiva, i due club presenteranno un dossier condiviso al Comune che valuterà le intenzioni delle due società. Anche oggi, però, il sindaco Beppe Sala ha ribadito che «San Siro sarà senz’altro in piedi nel 2026. Io francamente sono per il mantenimento ma non posso non ascoltare le squadre. La coesistenza di due stadi vicini, anche per una questione di costi, comunque la vedo difficile».

Per ora i tifosi sperano di poter festeggiare ancora un successo a San Siro e l’Inter sta allestendo una squadra competitiva per Conte. È in dirittura d’arrivo Valentino Lazaro, esterno dell’Hertha Berlino costato più di 20 milioni. A centrocampo si sta definendo l’acquisto di Stefano Sensi, con l’ad del Sassuolo Giovanni Carnevali anche oggi in visita nella nuova sede di Porta Nuova: «Non è ancora fatta. Ma non c’è fretta». In attacco è sempre più vicino Dzeko mentre si tratta per Lukako per cui si cerca un punto d’incontro con il Manchester United. E per incassare la plusvalenza necessaria a rispettare i parametri del Fair Play Finanziario, l’Inter ottiene circa 18 milioni dalla cessione di Pinamonti al Genoa con cui c’è un accordo per l’eventuale riacquisto.

Poi dalle prossime settimane entrerà nel vivo la questione Icardi. L’argentino continua le vacanze in Polinesia, poi l’Inter dovrà trovare un accordo per la cessione. Mentre Nainggolan potrebbe vestire la maglia del Torino.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy