Salta al contenuto principale

Aereo disperso sulla Manica

A bordo il calciatore Sala

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

Il calciatore argentino di origini italiane, Emiliano Sala, è disperso da ieri sera nei cieli della Manica. L’aereo con a bordo l’attaccante del Cardiff City era decollato dall’aeroporto francese di Nantes-Atlantique, in direzione di Cardiff. A bordo c’erano altre due persone. L’aereo è scomparso dai radar nei pressi del faro di Casquets, intorno alle 21:30, riferisce la polizia di Guernesey. Da allora, si sono perse le tracce e le condizioni meteo complicano il lavoro dei soccorritori.

L’allarme è stato lanciato alle ore 19:20 (le 20:20 in Francia) di ieri, quando la torre di controllo di Jersey, ha segnalato che un piccolo aereo da turismo partito da Nantes in direzione di Cardiff era scomparso dai radar, una ventina di chilometri a nord dell’isola di Guernesey. Fonti della polizia francese hanno confermato che Emiliano Sala, in corso di trasferimento dal Fc Nantes al Cardiff, era a bordo insieme ad altri due passeggeri oltre al pilota.

Immediatamente sono scattate le ricerche aeree e via mare, ma sono state interrotte dopo qualche ora a causa del vento forte, una pessima visibilità e il mare mosso. Del Piper al momento non ci sono tracce. Una nuova fase di ricerche è cominciata questa mattina, con mezzi britannici e francesi, coordinati dalla Guardia costiera di Guernesey.

Il ventottenne italo-argentino autore di 12 gol nel girone di andata di Ligue 1 era stato appena trasferito dal Fc Nantes al Cardiff, per una somma stimata intorno ai 17 milioni di euro. Sala ha cominciato la sua carriera in Europa al Bordeaux, grazie al Proyecto Crecer, una scuola di calcio creata dalla squadra francese in Argentina. Ha firmato a Nantes nel 2016 per un milione di euro ed ora era sul punto di trasferirsi in Galles. Sabato, aveva commentato così il suo nuovo ingaggio al Cardiff.

“Sono molto contento di essere qui. Mi fa molto piacere e ho fretta di cominciare ad allenarmi, di incontrare i miei nuovi compagni di squadra e mettermi al lavoro”. Ieri, era tornato a La Jonelière, il campo di allenamento del Nantes, per recuperare le ultime cose prima di cominciare una nuova vita. Ora la scomparsa nei cieli della Manica.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy