Salta al contenuto principale

Addio a Philemon Masinga, idolo

a Bari a fine anni Novanta

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 4 secondi

Addio a Phil Masinga. La federcalcio sudafricana ha annunciato la morte prematura del giocatore che aveva giocato anche nel Bari di Fascetti e nella Salernitana: a soli 49 anni l'ex attaccante, considerato una stella della nazionale del paese africano, si è arreso dopo una lunga malattia.

"È un giorno triste per il calcio sudafricano - l'annuncio della federazione - un uomo leale dentro e fuori dal campo ci ha lasciato". Masinga è morto in un ospedale a Johannesburg dove era stato trasferito il mese scorso per l'aggravarsi della malattia. "Abbiamo perso un gigante del nostro calcio" le parole del presidente federale Danny Jordaan. Masinga avrebbe compiuto 50 anni il prossimo giugno.


Verrà osservato un minuto di silenzio e raccoglimento oggi prima del fischio d'inizio della gara Sancataldese-Bari per ricordare il calciatore dei pugliesi Phil Masinga, indimenticato bomber sudafricano, scomparso a 49 per una grave malattia nel suo paese.   

Philemon Masinga, classe 1969, arrivò al Bari dalla Salernitana (aveva giocato anche in Inghilterra nel Leeds United e in Svizzera nel San Gallo oltre che nella nazionale del suo paese), e disputò in biancorosso quattro campionati in serie A dal 1997 al 2001 con in panchina Eugenio Fascetti, siglando ben 24 reti in 75 gare, e fu protagonista di memorabili prestazioni a San Siro contro Inter e Milan al punto da diventare beniamino della curva nord.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy