Salta al contenuto principale

Mondiale per club, per il Nacional

sfuma il sogno Chapecoense

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

L’Atletico Nacional sognava di vincere il Mondiale per club per dedicarlo alla Chapecoense ma sbatte contro il Kashima Antlers: sorprendente vittoria per 3-0 a Osaka dei campioni di Giappone, che dopo Auckland City e Mamelodi Sundowns travolgono i vincitori dell’ultima Libertadores e finalisti della Copa Sudamericana che avrebbero dovuto contendere alla sfortunata formazione brasiliana.

Ma oggi a fare la storia è stato soprattutto l’arbitro Viktor Kassai, assegnando il primo rigore di sempre con l’aiuto della Var: la video-assistenza arbitrale, testata per la prima volta live dopo la sperimentazione avvenuta nei mesi scorsi off-line - ovvero senza interferire con la direzione di gara sul terreno di gioco - ha permesso di correggere una svista del fischietto ungherese e concedere un giusto rigore alla formazione nipponica.

Gara equilibrata con occasioni per entrambe le squadre, la più ghiotta delle quali è, al 24’, per i colombiani con la traversa colpita da Mosquera con un violento sinistro a Sogahata battuto.
Qualche minuto dopo lo storico rigore per il Kashima Antlers: contatto in area fra Berrio e Nishi, Kassai fa proseguire ma la sua attenzione viene richiamata dal collega designato per la Var.

L’arbitro magiaro rivede l’episodio a bordocampo sul monitor e torna sui suoi passi indicando il dischetto e dagli undici metri Doi non sbaglia. La squadra colombiana prova a reagire ma nel recupero è ancora la traversa a negare il gol a Mosquera. Nella ripresa l’Atletico fa più fatica a creare dello occasioni anche se al 14’ Sogahata salva il risultato sul tentativo di Borja mentre al 23’ Dajome, appena entrato per Mosquera, spara alto da buonissima posizione. I minuti passano, la pressione dei sudamericani aumenta ma il Kashima resiste e nel finale mette al tappeto l’Atletico con un micidiale uno-due: al 38’, sul cross dalla destra di Shibasaki, Armani esce malissimo su Endo che si ritrova solo davanti alla porta e si permette anche di metterla dentro di tacco mentre due minuti dopo Kanazaki mette in mezzo e sul secondo palo spunta Suzuki, appena entrato, per il definitivo 3-0. E ora il Kashima sogna la sfida col Real Madrid, Club America permettendo.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy