Salta al contenuto principale

LeBron James in campo

contro il razzismo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 6 secondi

LeBron James torna a prendere posizione contro la violenza e il razzismo.

Il campione dei Los Angeles Lakers ha usato i canali social per unirsi allo sdegno per la morte di George Floyd, 46enne uomo di colore che lunedì è deceduto mentre era sotto la custodia della polizia di Minneapolis. LeBron ha riproposto una foto con la maglia «I can’t breathe», «Non riesco a respirare», già utilizzata nel 2014 quando fu un altro ragazzo afro-americano, Eric Garner, a morire per colpa di una manovra poco ortodossa di un agente durante l’arresto. Come Garner sei anni fa, Floyd - secondo un crudo video che gira per il web - fatica a respirare perchè, con la testa sull’asfalto e le manette ai polsi, c’è un poliziotto che tiene premuto il ginocchio sul suo collo. Un gesto che porterà alla sua morte.

E così James, dopo aver riproposto una foto di Colin Kaepernick - il quarterback della Nfl che si inginocchiò durante l’inno per protestare contro la brutalità delle forze dell’ordine - è tornato alla carica, prima con quel messaggio sulla maglia e poi con alcune righe: «Capite adesso? Le cose vi appaiono ancora confuse? Restate svegli». James ha anche postato una story su Instagram che includeva una foto e un video dell’arresto di Floyd e un’amara considerazione: «Ci danno la caccia».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy