Salta al contenuto principale

L'Aquila ritrova la vittoria

grazie a una grande difesa

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 4 secondi

Gli artigli dell’Aquila sono più affilati di quelli della Leonessa. Ci sono voluti 38’ e mezzo di gioco per capirlo, ma al termine di una partita tiratissima, forse non spettacolare ma decisamente tosta, la Dolomiti Energia torna alla vittoria sul parquet di casa dopo più di un mese (63-56), sconfiggendo la Germani Brescia e cominciando a respirare aria di ottavo posto.

Una gara che è vissuta di lampi alternati su entrambi i fronti ma sostanzialmente in equilibrio, decisa da un paio di palloni rubati da Trento contro una Brescia che - senza il suo faro Luca Vitali - non ha potuto contare su una guida sicura nei momenti decisivi. L’assenza del play (influenza) e quella di David Moss hanno senz’altro pesato sugli equilibri della squadra di coach Esposito, mentre Trento ha risentito meno del forfait di Mezzanotte, ottimamente compensato dalla bella prestazione sotto le plance di Knox, Pascolo (4 rimbalzi in attacco) e soprattutto Kelly, premiato Mvp del match.

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO: Kelly 14, Blackmon 10, Craft 10, Gentile 10, Pascolo 4, Mian, Forray 5, Knox 10, Mezzanotte ne, Voltolini ne, Ladurner ne, Lechthaler ne.
Allenatore: Brienza.

GERMANI BASKET BRESCIA: Zerini, Warner 2, Travis 6, Abass 11, Cain 10, Laquintana 10, Lansdowne 7, Veronesi ne, Guariglia ne, Horton 2, Sacchetti 8.
Allenatore: Esposito.

ARBITRI: Lo Guzzo-Grigioni-Dori.

NOTE: parziali 19-15, 33-33, 48-45. Tiri liberi: Trento 7/13, Brescia 7/10. Uscito per cinque falli: nessuno.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy