Salta al contenuto principale

Pellegrini: si rischia un anno

 senza gare in piscina

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

È stata tra le prime a tornare alla normalità sportiva ma continua a vivere nell’incertezza di un ritorno alle gare, l’obiettivo resta sempre lo stesso anche se in posticipato di un anno: «La decisione di rinviare le Olimpiadi di Tokyo al 2021 è stata giustissima. In termini di longevità la faccio da padrona: avrei preferito gareggiare quest’anno, ma va bene così e aspetteremo un altro anno».

E per far fede alla sua eterna giovinezza Federica Pellegrini ha scelto di associare il suo nome alla Michelin («Fatti per durare» il claim della partnership). Chi meglio della Divina, olimpionica dei 200 stile a Pechino 2008, primatista mondiale in carica nei 200m ed europea nei 400 m e capace a 31 anni di ripetersi ai Mondiali di Gwangju 2019. «Psicologicamente è difficile allenarci tanti mesi senza obiettivo a breve termine», ammette Pellegrini appena uscita dal suo allenamento in umido.

«Da quando è iniziato il lockdown ho visto il Paese più unito...» riconosce. Qualcuno la paragona alla Ferrari come simbolo dell’Italia che riparte: «Mi fa un po’ paura, ma ne sono onorata. Spero di riuscire ad andare forte nei prossimi anni come la Rossa, questo sicuramente», sorride. Meno allegra invece quando si passa a parlare di ritorno alle gare: «Per ora abbiamo solo una data, la più importante, l’Olimpiade dell’anno prossimo. Ma tutte le tappe intermedie ci mancano. Stiamo aspettando le date intermedie», sentenzia.

«Purtroppo - aggiunge citando il ricordo della piscina del Foro Italico piena di pubblico - il supporto del pubblico mancherà per un po’ e fonti ufficiose dicono che noi torneremo a nuotare non prima dell’anno prossimo». L’ipotesi al momento è che la Fin possa organizzare entro l’estate un campionato nazionale per soli italiani: «Se tutti i protocolli sanitari ci saranno, per noi iniziare a gareggiare sarebbe una buona cosa.
Da qui a Tokyo manca un anno e mezzo, è lungo passarlo solo di allenamenti».

Un problema che riguarda tutti anche se al momento a fare da apripista sembra esserci solo il calcio: «Penso che per i tifosi di calcio sia fondamentale che il campionato riprenda - ammette la veneta - ma lo stesse vale per i tifosi della pallavolo e degli altri sport di squadra. E sto vedendo che stanno facendo fatica tutti gli sport di squadra».

Quanto agli obiettivi di Tokyo 2021, qualcuno le domanda se c’è anche l’idea di andare oltre i Giochi olimpici: «Nella mia testa Tokyo me la sono posta come obiettivo finale della mia carriera, finora me la sono cavata e per me ritardarla di un anno non è certo un problema».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy