Salta al contenuto principale

Yeman Crippa, mezzofondista "mondiale" non riesce ad allenarsi, appena corre c'è qualche trentino che lo denuncia

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 29 secondi

Lui è un campione di livello mondiale, e si sta allenando con il sogno di partecipare alle Olimpiadi di Tokyo (se ci saranno). Ma in questo momento, uno che corre in pantalonicini è visto come l'untore della peste, e così è accaduto a Trento a Yeman Crippa: segnalato e denunciato alle forze dell'ordine da anonimi cittadini appostati alle finestre. Il bello è che lui non può farci nulla: tutte le piste di atletica di Trento sono chiuse. E Yeman si deve allenare. E' il suo lavoro.

Lo ha raccontato oggi alla Gazzetta dello Sport. L'atleta trentino, unico vero faro del nostro mezzofondo a livello internazionale, descrive la sua situazione e come cerca di portare avanti gli allenamenti tra mille difficoltà. Il tutto nella "civilissima" Trento. Crippa ha il certificato della Fidal, e dunque è un avente diritto ad allenarsi negli impianti a porte chiuse, dato che è uno dei migliori mezzofondisti continentali in rampa di lancio per affermarsi anche a livello mondiale.

Il problema: la Provincia ha chiuso tutte le piste senza fare eccezioni di alcun genere, e i problemi vengono anche all'esterno. Chiaramente Yeman cerca di supplire con sedute nel bosco e in ciclabile (adesso sono chiuse anche quelle) ma più di una volta è stato fermato dalla polizia per accertamenti, e spesso - come dice lui – su segnalazione di qualche abitante troppo solerte.

La cosa più strana è dover correre con l'autocertificazione perché già un paio di volte sono stato fermato dalle forze dell'ordine: una volta lungo la ciclabile, appena uscito dal bosco dove avevo svolto un lavoro in salita; un'altra al parco mentre sollevavo un bilanciere in una sessione di palestra improvisata all'aperto, sempre dopo la segnalazione di qualche abitante".

Questa è la situazione “da secoli bui” in cui si trovano i runner - anche quelli di altissimo livello - oggi in Italia.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy