Salta al contenuto principale

Tennis, impresa di Sinner

che a Rotterdam ha battuto

Goffrin, numero 10 al mondo

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 20 secondi

Fenomenale! Jannik Sinner si è qualificato per i quarti di finale del torneo ATP 500 di Rotterdam, in Olanda. Il 18enne di Sesto Pusteria, numero 79 del ranking mondiale e in tabellone grazie ad una wild card, ha battuto 7-6, 7-5 in due ore di gioco uno dei favoriti per la vittoria finale, il belga David Goffin, quarta testa di serie del seeding e decimo giocatore del ranking ATP. Bella prestazione per l’azzurro che entra tra i migliori 8 di un 500 per la prima volta in carriera e rimedia a un inizio di stagione piuttosto negativo, con tre uscite al primo turno e un solo successo sul campo nel debutto degli Australian Open. A 18 anni e 5 mesi, Sinner conquista per la prima volta un successo contro un Top 10. Sinner, al momento con nuovo best ranking virtuale al numero 68, troverà domani ai quarti di finale lo spagnolo Pablo Carreno Busta.

Buona impresa anche di Andreas Seppi che avanza ai quarti di finale del «New York Open», torneo ATP 250 in corso sul veloce indoor del Nassau Veterans Memorial Coliseum di Long Island.

L’azzurro, numero 98 del ranking mondiale, dopo aver superato il bosniaco Damir Dzumhur, numero 100 Atp, annullandogli anche un match point nel tie-break decisivo, al secondo turno ha sconfitto lo statunitense Steve Johnson, numero 75: 7-6(4) 6-3 il punteggio con cui, dopo un’ora e mezza di gioco, Seppi ha colto il secondo successo in cinque confronti diretti con il 30enne americano. Niente da fare invece per Paolo Lorenzi: il 38enne senese, promosso dalle qualificazioni, dopo l’affermazione in rimonta sul serbo Danilo Petrovic, ha ceduto per 6-3 6-3 all’altro serbo Miomir Kecmanovic.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy