Salta al contenuto principale

Bimba prodigio:

a 7 anni corre 5 km

in meno di 20 minuti

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

Ha le trecce, un faccino simpatico e due gambette superveloci la bimba dei record che vive nel savonese e potrebbe entrare nella storia dell'atletica leggera visto che corre i 5 mila metri in meno di 20' e i 10 mila in circa 45', collocandosi a ridotta distanza dal record mondiale della keniota Hellen Obiri nei 5 mila e di Ayana Almaz, campionessa olimpica e mondiale in carica dei 10 mila piani.

Ma c'è un problema: la speedy baby ha 7 anni. Questa è la storia di una bimba che tanti definiscono prodigio e di cui altri parlano con molta cautela, avendo la mini-atleta in questione un'età che la Fidal, la Federazione di atletica leggera nemmeno prende in considerazione.

Ovviamente la bimba ha un allenatore, nella fattispecie l'orgoglioso papà, che respinge dubbi e critiche affermando che la speedy baby "corre perché è il suo gioco preferito". Sarà anche un gioco ma il padre l'allena sul serio tutti i giorni "in strada e sui sentieri di montagna", quest'ultimo passaggio fondamentale perché permette di rafforzare la circolazione, ampliare la capacità polmonare e sviluppare un numero molto alto di globuli rossi.

E poter portare più ossigeno ai muscoli, specialmente in una corsa a lunga distanza, è un vantaggio non indifferente. Anche in una bambina di 7 anni, evidentemente.

Insomma pure l'applicazione della teoria 'live-high, train-low' per la piccola che ama giocare con una delle discipline più faticose dell'atletica leggera. Ovviamente il papà ha costituito "un team medico che si occupa di lei" e dei suoi 'giochi', team che effettua ogni due mesi i controlli in stato di riposo e sotto sforzo.

Ed è una bimba sanissima. Prodigiosamente sana. La giovanissima atleta continuerà a correre: considerato che per ora non è ammessa all'agonismo, al padre-coach non resta che contestare la Fidal "composta da non professionisti" tanto che "non c'è da meravigliarsi che l'Italia non ottenga a livello sportivo i risultati sperati" e allenarla alle future glorie.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy