Salta al contenuto principale

Corsa, africani da battere domenica

nella «30 Trentina» in Valsugana 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

In queste ore «La 30 Trentina» ha visto cadere l’atteso muro dei duemila iscritti, segnando l’ennesimo record della propria giovane vita, trascorsa sempre in crescendo fino a questo nuovo record, arrivato a pochi giorni della settima edizione, proprio in concomitanza con la presentazione ufficiale, ospitata nella serata di ieri nella sala di Maso Martis, a Martignano di Trento.

Un’edizione da record come quella di domenica 30 settembre meritava il cast migliore di sempre. Con il pettorale numero uno sarà nuovamente al via il campione uscente, Fabrizio Pradetto, che proverà a difendere il successo del 2017 contro la voglia di vittoria di una serie di gazzelle degli Altipiani centrafricani, comprendente tra gli altri i due keniani Andrew Mang’ata Kwemoi e Vincent Kemutai, oltre al ruandese Jean Baptiste Simukeka. Avversari tosti anche per l’italiano Giovanni Grano, voglioso di rivalsa dopo l’esperienza non troppo convincente di dodici mesi fa, e per il mezzofondista Stefano Ghenda, che ha scelto «La 30 Trentina» come tappa di test in vista del debutto alla maratona di New York.

In campo femminile la favorita d’obbligo sui trenta chilometri della Valsugana sembra essere la keniana Caroline Chemono, tra l’altro fresca vincitrice della Sarnico-Lovere e seconda alla Cortina Dobbiaco. Contro di lei proveranno a giocare le proprie carte Sara Brogiato e tra podiste affezionate alla manifestazione, Maurizia Cunico (già vincitrice nel 2012 e nel 2015, terza l’anno passato), Anna Zilio e Greta Pizzolato

«La 30 Trentina» si propone ancora una volta anche come prova a staffetta, con due frazioni di circa 15 chilometri e zona cambio predisposta in località Valcanover, sulle sponde del Lago di Caldonazzo. Due le staffette da tenere sotto osservazione, una tutta maschile, che abbina il noto podista Ousman Jaiteh ad Emanuele Padra, l’altra, mista, che vedrà la pluricampionessa italiana Federica Dal Ri passare il testimone a Luca Zeni, assessore provinciale allo sport e alla salute.

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy