Salta al contenuto principale

In Emilia trionfa Bonaccini del PD

in Calabria il centrodestra:

nel voto regionale, implosione dei 5 Stelle

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi

Stefano Bonaccini vede la vittoria su Lucia Borgonzoni nella corsa per la presidenza dell'Emilia Romagna, una sfida che ha assunto significati politici nazionali. Lo spoglio, quando sono state scrutinate le schede di 4200 sezioni su 4700, danno al governatore uscente il 51,33 dei voti (maggioranza assoluta), contro il 43,75 di Lucia Bergonzoini (Lega e centroidestra). Un distacco che porta sia Matteo Salvini che Giorgia Meloni ad iammettere la sconfitta. "Salvini ha perso, il governo esce rafforzato", esulta Nicola Zingaretti. Ma l'implosione di M5S - con Simone Benini al 3,45% in Emilia Romagna - preoccupa l'alleanza a quattro che regge l'esecutivo.

Partita invece ampiamente chiusa a favore di Jole Santelli in Calabria: la candidata di Forza Italia per il centrodestra trionfa con il 55,8% e diventa la prima governatrice donna della regione. Pippo Callipo per il centrosinistra si ferma al 30,2%, Carlo Tansi (lista civica) registra il 10,6% e precede Francesco Aiello (M5S) al 7,3%. "Jole emblema del riscatto", assicura Silvio Berlusconi, mentre la prossima presidente promette "una regione diversa".

Gli occhi erano tutti sull'Emilia Romagna, che ha sorpreso per il boom dell'affluenza al (67,7%), di 30 punti superiore rispetto al 2014 (37,6%) e analoga a quella delle europee 2018. Anche grazie all'intenso battage delle Sardiine perché tutti andassero a votare.

Alla fine, l'affluenza alle urne per le elezioni regionali in Emilia Romagna è stata del 67,67%, 30 punti in più rispetto al 37,76% della precedente consultazione di riferimento del 2014. L'affluenza per le elezioni regionali in Calabria, è stata del 44,32%: il dato è praticamente stabile rispetto al 44,16% della precedente consultazione di riferimento.

LE PAROLE DI MATTEO SALVINI: "Avere una partita aperta in Emilia Romagna per me è un'emozione, dopo settant'anni per la prima volta c'è stata una partita", ha detto il leader della Lega in conferenza stampa a Bologna. "Parto dall'unico dato certo, che mi riempie di orgoglio, che è quello della Calabria: per la prima volta in una regione del Sud ci siamo e siamo determinanti. Sono felicissimo di essere stato più volte in Calabria, ci tornerò per mantenere gli impegni presi". 

LE PAROLE DI NICOLA ZINGARETTI - "I dati che stanno emergendo confermano per fortuna una grande vitalità dell'elettorato che ha partecipato in massa. Un immenso grazie al movimento delle sardine", ha detto Nicola Zingaretti, parlando fuori dal Nazareno. "Oggi Salvini ha perso le elezioni", ha aggiunto Zingaretti. 

Il governo ora continua nella sua azione per il rilancio del Paese. Lo dicono fonti di Palazzo Chigi, dopo il voto per le regionali. Il premier Giuseppe Conte, spiegano le stesse fonti, è al lavoro sull'agenda di governo e attende i dati definitivi per ogni commento. Dalla presidenza del Consiglio trapela intanto soddisfazione anche per l'alta partecipazione democratica registrata in questa domenica di voto.

Intanto tace il Movimento 5 stelle e per ora né i parlamentari né gli esponenti del governo commentano la sconfitta delle regionali in Emilia Romagna e Calabria. Per le dichiarazioni ufficiali, spiegano fonti pentastellate, si attende, quando si avranno i dati consolidati. Il reggente Vito Crimi dovrebbe commentare il voto in mattinata.

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy