Salta al contenuto principale

Agricoltori, tassazione Irpef

Prelievo in arrivo dal 2021 

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 32 secondi

Arriva la tassazione Irper per i contadini e le imprese agricole professionali, ossia che hanno come attività prevalente quella di coltivatore. Lo prevede un articolo della finanziaria nazionale che, a partire dal 2021, indica nel reddito dominicale (cioè da terreni) e agrario (cioè derivante dall’attività di coltivazione) una voce da dichiarare, ai fini della tassazione Irpef, anche se solo al 50% della quota totale. La misura, secondo una prima stima, dovrebbe riguardare circa 7-8.000 imprese agricole in Trentino, ovvero quelle che oggi dichiarano ai fini fiscali.

«Si tratta di una tassazione limitata - spiega il direttore di Coldiretti, Mauro Fiamozzi - visto che si parla di 1.000 euro in media di reddito tra agrario e dominicale. E sul 50% di questa cifra si applica il primo scaglione dell’Irpef pari al 23%». Secondo una prima stima, si tratta di alcune centinaia di migliaia di euro di maggiori imposte che verrebbero applicate a partire dal 2021.

«Non è tanto la cifra quanto il fatto che si va verso una complicazione fiscale per gli agricoltori - sottolinea Fiamozzi - visto che oggi quelli con attività prevalente agricola pagano solo Iva». «Si tratta di una scelta che non incide particolarmente sui bilanci delle aziende - afferma Paolo Calovi, presidente della Cia - ma è una mazzata ulteriore sul piano morale. Anche perché non è che le cose vadano bene in questi anni per l’agricoltura nel suo complesso: tra danni del clima e quelli dei nuovi parassiti, l’andamento delle remunerazioni per le mele di pianure e per le uve che non sono certo eccelse, la situazione per gli agricoltori non è semplice. Se applicano alle imprese agricole le stesse imposte delle altre aziende, tutti gli imprenditori portano i libri in tribunale». Nella finanziaria nazionale l’articolo sotto accusa è il numero 21 intitolato «Esenzione Irpef redditi dominicali e agrari dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali». La disposizione proroga «per l’anno 2020, il regime di esenzione fiscale - ai fini della imposte sui redditi delle persone fisiche - dei redditi dominicali e agrari dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali», ma prevede, poi, «per l’anno 2021, che gli stessi redditi dei predetti soggetti (coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola) concorrono alla base imponibile dell’Irpef nella misura del 50%».

L'altro ieri lo stesso Fiamozzi era a Roma dove Coldiretti ha promosso l’iniziativa per sensibilizzare l’opinione pubblica sui danni provocati sul territorio da cinghiali, lupi e orsi. Accanto ai vertici provinciali vi erano anche numerosi amministratori dei Comuni trentini coinvolti, il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e l’assessore all’agricoltura Giulia Zanotelli.

«Siamo qui al fianco dei tanti allevatori trentini presenti per dire che l’agricoltura di montagna va tutelata dai grandi carnivori, il rischio sennò è lo spopolamento di questi territori. Come Provincia autonoma abbiamo una nostra legge che intendiamo far applicare, ma al tempo stesso dobbiamo portare anche a livello nazionale la tematica, al fine di individuare un fronte comune con tutte le altre Regioni», dice Fugatti. «Appoggiamo questa manifestazione affinché i territori possano avere una gestione della fauna selvatica incisiva», aggiunge Zanotelli.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy